Home Recensioni Live Queen + Paul Rodgers - Roma, 26 Settembre 2008

Queen + Paul Rodgers
Roma, 26 Settembre 2008

Roma, 26 Settembre 2008 - Palalottomatica
Servizio fotografico a cura di Marina Cerami

C’è molta attesa per la prima tappa italiana del tour targato Queen + Paul Rodgers.
Si tratta del secondo tour mondiale che vede la band stavolta impegnata a promuovere live il nuovo disco uscito in Italia il 15 Settembre: “The Cosmos Rocks”.
Entrando al Palalottomatica subito si può notare una grossa differenza scenica rispetto al precedente tour: la presenza di un maxischermo che ha la particolarità di avere incastonati al suo interno luci di vario genere e colore. Pochi minuti prima delle 21.00 il palasport è letteralmente colmo di fans che scalpitano, intonano cori e battono le mani al tempo di ”We will rock you”.

Il concerto comincia con “Surfs'up ... School Out” brano tratto dall’ultimo album. Durante il brano lo schermo comincia a trasmettere immagini del cosmo che abbinate al light show risultano davvero suggestive. Seguono Tie Your Mother Down, Fat Bottomed Girls, Another One Bites The Dust, I Want It All e I Want To Break Free.
La prestazione della band è fresca e brillante, purtroppo essa è leggermente intaccata da alcuni problemi di audio come l’armonica di Paul che non si sente nell’intro del primo brano, difficoltà a percepire la chitarra di Brian May e un rullante che per pochi secondi sembra essersi “spento”.

Paul Rodgers è sicuramente a suo agio, si muove con più scioltezza e naturalezza di quanta ne avesse dimostrato nel precedente tour. E’ evidente che Paul, Brian e Roger hanno raggiunto un certo affiatamento sul palco. Doveroso ricordare il resto della band: l’oramai leggendario Spike Edney alle tastiere, il quale accompagna live i Queen già dagli anni ’80, tanto da essere stato soprannominato il quinto Queen.
Danny Miranda e Jamie Moses rispettivamente alla chitarra e al basso. Il concerto prosegue con C-Lebrity il nuovo singolo scritto da Roger Taylor.

Segue la celeberrima Love Of My Life suonata in acustico, come sempre, tranne che per la forte e quanto mai dolorosa mancanza di Freddie alla voce. Brian chiede al pubblico di accompagnarlo nel canto. Egli è chiaramente emozionato e prima di cominciare chiede nuovamente che sia tutto il pubblico ad accompagnarlo durante l’esecuzione del pezzo. A questo punto l’emozione è palpabile, qualche lacrima accenna negli occhi di alcuni. Al termine del pezzo cori intonanti “Freddie! Freddie!” si susseguono insieme ad applausi. Penso che tutti avessimo nella mente quando Freddie si felicitava (e a volte commuoveva!) di come audience di tutto il mondo, riuscissero a cantare perfettamente parola per parola questa meravigliosa canzone.
Segue un'altra chicca della serata: ’39, pezzo di May dalla trama futuristica presente in “A night at the opera” che viene seguito insieme a Roger con cassa e tamburello, più contrabbasso e Spike alla fisarmonica.

Dalla cassa di partenza, con l’ausilio dei tecnici spunta un’asta hit hat e a seguire a poco a copo un intero set di drums che da spazio a Roger di esibirsi in un solo che mostra come nonostante l’età sia ancora in forma.
Segue un'altra hit di Roger I'm in Love with my Car e successivamente la bellissima Say is'not True dove nel finire del pezzo ricompare Paul finora rimasto fuori dal palco.
A questo punto è Paul Rodgers ad essere protagonista con Bad Company e Feel Like Making Love.

Brian adesso ha il suo spazio con il celebre solo tratto da una rivisitazione, quasi continua negli anni, di quello che in origine era l’ intermezzo di Brighton Rock, solo noto per il cosiddetto “Brian Echo” che crea una sorta di canone a tre voci.

Proseguendo la scia di brani in cui Brian è protagonista, il pubblico romano ha l’opportunità di apprezzare Bijoux, brano pregevole e romantico tratto da “Innuendo”.
Caratteristica del brano è lo svolgersi di un tema composto da solistica di chitarra che si muove all’interno si sonorità dolci e malinconiche allo stesso tempo, fino ad arrivare ad un breve inciso, in cui, con grande sorpresa di tutti, si è potuto udire la voce registrata di Freddie Mercury che intona i pochi versi della canzone. Conclude il treno di brani “Brian May Oriented” Last Horizon: brano strumentale tratto da “Back to the light”, primo album solista del chitarrista. Molto suggestive le immagini proposte dal maxi-schermo accompagnate da luci ancor più brillanti.
Seguono Crazy Little Thing Called Love, A Kind of Magic, The Show Must Go On e Radio Ga Ga.
E’ la volta poi di Bohemian Rhapsody. Il brano comincia con la vista di Freddie Mercury sul maxi-schermo che intona la canzone mentre il resto della band viene dietro la registrazione. A suon di Galileo e Figaro si arriva alla parte Hard Rock che precede la conclusione del brano dove anche qui si può udire la voce registrata di Freddie, sempre ben visibile sullo schermo.
Il concerto si chiude con Cosmos' Rockin, la hit dei Free All Right Now e l’indissolubile binomio finale We Will Rock you/We Are the Champions.
Chiude il concerto durante inchini e applausi God save the Queen, l’inno nazionale britannico, registrato con numerosi overdubs, che chiudeva “A Night at the Opera” e da lì in poi tutti i concerti delle regine del rock.

Come diceva Freddie: “Another party’s over”. La folla visibilmente soddisfatta si dirige alle uscite e anche io, mestamente, mi dirigo verso l’esterno chiedendomi a quando un nuovo tour in Italia, se mai ci sarà un nuovo album.
Certamente la dimensione live è quella che a mio avviso più si addice al momento a questa band che ha perso, per cause di natura del tutto diversa, due elementi fondamentali come Freddie Mercury e John Deacon. Inevitabilmente la musica ne ha risentito ... quanto starà ai fans ed alla critica stabilirlo.

 


Brian May: Chitarra
Roger Taylor: Batteria
Paul Rodgers: Voce

Spike Edney: Tastiere
Danny Miranda: Chitarra
Jamie Moses: Basso

Data: 26/09/2008
Luogo: Roma - Palalottomatica
Genere: Rock/Hard Rock

Setlist:
01. Surfs Up ... Schools Out
02. Tie Your Mother Down
03. Fat Bottomed Girls
04. Another One Bites The Dust
05. I Want It All
06. I Want To Break Free
07. C-Lebrity
08. Seagull
09. Love Of My Life
10. 39
11. Drum Solo
12. I’m In Love With My Car
13. Say Its Not True
14. Bad Company
15. Feel Like Making Love
16. Guitar Solo
17. Bijou
18. Last Horizon
19. Crazy Little Thing Called Love
20. It’s A Kind Of Magic
21. Show Must Go On
22. Radio Gaga
23. Bohemian Rhapsody
Encore:
24. Cosmos Rockin’
25. All Right Now
26. We Will Rock You
27. We Are The Champions
28. God Save the Queen

 

 

 

Banner

Recensioni underground più lette

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.