Home Recensioni Masterpiece
Masterpiece

Danzig
Thrall-Demonsweatlive (new edition)

StampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 29 Ottobre 2022 14:13

Questo titolo dei Danzig dell'epoca d'oro, subisce oggi un curioso destino.
Pubblicato originariamente nel 1993 e contenente sette soli pezzi, non fu particolarmente apprezzato dai fan dell'epoca, offrendo soltanto 3 brani inediti in studio, non tutti ispirati ("It's Coming Down", "The Violet Fire" e la cover di "Trouble"), e 4 dal vivo ("Snakes Of Christ", "Am I Demon", "Sistinas", il caposaldo "Mother", tratto dal primo magnifico album), catturati all'Irvine Meadows, in California, il 31 ottobre del 1992.

Leggi tutto...

 

Jimi Hendrix
Live at Café au Go Go, New York City, March 17th, 1968

StampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Lunedì 10 Ottobre 2022 14:13

La Jam che Jimi Hendrix tenne al "Café Au Go Go" il 17 Marzo del 1968, storico locale del Greenwich Village, assieme ad artisti estranei al suo usuale entourage (escluso Buddy Miles, ovviamente, sebbene un anno prima del suo ingresso ufficiale nella band del chitarrista), è stata ampiamente bootlegata in passato.

Leggi tutto...

 
 

Weather Report
Mr. Gone

StampaE-mail

Scritto da Alex Marenga Domenica 09 Ottobre 2022 14:13

“Mr. Gone” è uno dei lavori più sottovalutati di tutti gli anni ‘70 e ancora oggi è spesso relegato fra le produzioni minori del gruppo di Zawinul e Shorter pur essendo, invece, uno degli apici toccati dal jazz-rock a livello di ricerca lessicale.
Probabilmente questa incomprensione deriva dall’essere l’album immediatamente successivo a “Heavy Weather” che, oltre ad essere il disco di maggior successo commerciale del gruppo, racchiude alcuni dei loro brani più eseguiti ed emblematici.
La direzione presa dai Weather Report, in pieno spirito Davisiano, è, invece di crogiolarsi nel successo del disco precedente, quella di esplorare nuovi territori, emulando l’approccio sperimentale di “Mysterious Traveller” (1974) considerato da Zawinul il miglior album del gruppo fino a quel momento.
Il tastierista è difronte alle nuove potenzialità offerte dall’elettronica di cui ha sfruttato le possibilità con l’uso dell’ARP2600 solo in minima parte su “Heavy Weather” mentre il mercato dell’epoca sta offrendo nuovi straordinari strumenti come il Prophet V della Sequential Circuits, che risulterà strategico nella definizione dei suoni di questo disco, e le tastiere polifoniche di Tom Oberheim.
La lungimiranza di Zawinul e la sua capacità di esplorare le possibilità dei nuovi strumenti per elaborare nuovi lessici si dimostrerà sorprendente e troverà impreparata la critica, che ancora oggi, in alcuni casi, non ha compreso la direzione intrapresa su “Mr. Gone”.
Zawinul ha invece chiaro, nel 1978, anche alla luce dell’esperienza del “krautrock”, che l’elettronica trasferisce la ricerca musicale dal livello armonico-melodico complesso perseguito dal jazz a quello timbrico e sonoro, sfruttando al massimo le possibilità date dalle tecnologie dello studio di registrazione.
Il disco nel suo complesso è un vero e proprio campionario di possibili interazioni fra le diverse declinazioni del jazz-rock e i sintetizzatori anticipando di decenni sonorità e direzioni che la “popular music” intraprenderà dopo gli anni ’90.
La line-up rispetto a “Heavy Weather” vede dei cambiamenti, oltre ai due fondatori, Joe Zawinul e Wayne Shorter, alla batteria c’è il grande Peter Erskine al posto di Alex Acuna, Manolo Badrena alle percussioni, ovviamente Jaco Pastorius al basso, elemento chiave nel sound del gruppo e punto di riferimento nella ridefinizione del linguaggio del basso elettrico ancora oggi.
Inoltre sono presenti numerosi ospiti Steve Gadd e Tony Williams alla batteria, Jon Lucien, Deniece Williams e Maurice White alle voci.
Il lato A si apre con “The Pursuit of the Woman with the Feathered Hat”, un brano che anticipa il percorso che il tastierista percorrerà anche con “Zawinul Syndicate”, una sorta di etno-afro jazz elettronico modale.
Il brano è sorretto da una serie di linee di sequencer e loop minimalisti di marimba; le linee melodiche di sapore di etnico sono tutte eseguite dalle tastiere in un intreccio elettronico sul quale emergono voci afro-caraibiche del vocalist Jon Lucien.
Il brano decolla ritmicamente con un groove afro e Jaco Pastorius che esegue un tema armonizzato con due bassi elettrici a cui segue un tema corale contrappuntato dai sintetizzatori e da linee di basso fretless e basso synth. Un’operazione di contaminazione che nel 1978 è senza precedenti.
Il finale riporta il mood del brano in una dimensione tropicaleggiante e cantabile.

Leggi tutto...

 

Rainbow
Difficult To Cure

StampaE-mail

Scritto da Giovanni Loria Giovedì 08 Settembre 2022 20:46

Con  questo quinto full-length in studio, i Rainbow di Ritchie Blackmore completano idealmente la traversata dell’Atlantico, già cominciata col precedente Down To Earth, e si trasformano in band americana a tutti gli effetti.

Leggi tutto...

 
 

Whitesnake
Live... in the shadow of the blues

StampaE-mail

Scritto da Gabriele Martelli Domenica 04 Settembre 2022 23:05

Pubblicato nel 2006, questo doppio live mostra come i Whitesnake cerchino di effettuare un passo indietro, transitando dal suono più spiccatamente heavy delle più recenti produzioni verso il rock blues delle origini, riprendendo alcuni brani talvolta esclusi dal repertorio live, sfruttando a pieno il potenziale di una coppia di chitarristi come Reb Beach, capace di sfornare assoli vorticosi tanto cari ai metallers più puri e Doug Aldrich, il cui stile spesso riporta alla mente grandi guitar heroes del passato. Il titolo è una parafrasi di “Walking In The Shadow Of The Blues”, il brano più vecchio in scaletta (tratto dall’album Love Hunter - 1979), proprio a dimostrare il taglio “Old Style” di questo album live.

Leggi tutto...

 

Frank Zappa
Joe's Garage

StampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Mercoledì 31 Agosto 2022 18:05

Immaginate una tavola imbandita, poco elegante ma ricca di ogni ben di Dio, pietanze succulente dai sapori più particolari, profumi e colori che richiamano le diverse etnie del pianeta. Accomodatevi, Joe's Garage (Acts I, II, III) è servito.

Leggi tutto...

 
 

Steely Dan
Pretzel Logic

StampaE-mail

Scritto da Luca Driol Martedì 16 Agosto 2022 13:59

Chiamarsi come un vibratore a vapore ideato dalla mente di Borroughs per il suo “Il Pasto Nudo”, potrebbe far pensare a un gruppo punk, ma gli Steely Dan sono invece stati (e sono tutt’ora) gli alfieri della miglior fusione tra rock e jazz.

Leggi tutto...

 

Ezra Winston
Myth Of The Chrysavides

StampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Venerdì 15 Luglio 2022 12:37

Quello degli Ezra Winston è un progressivo di classe, colto, che attinge con dovizia dall’eredità inglese degli anni settanta (e non da quella italiana: un paradosso, se si pensa che con questo lavoro il gruppo diede vita al new progressive italiano).

Leggi tutto...

 
 

Asia
America (Live In The USA)

StampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Domenica 03 Luglio 2022 10:02

In origine, gli Asia avevano due problemi.
Steve Howe era il primo. Gli Asia sono un gruppo pomp e pop rock, con vaghissime, labili reminescenze prog: in tal senso, lo stile del chitarrista degli Yes è quanto di più lontano da queste sonorità. Basti ascoltare le sue pietose versioni di “Owner Of A Lonely Heart” per capire la sua inadeguatezza ad una cifra esecutiva che esula dal prog in senso stretto.
L'altro si chiama Carl Palmer: l'ex ELP è nervoso, irruento, condisce le trame ritmiche di virtuosismi eccessivi, talvolta tende a velocizzare il tempo: cosa c'entra costui con gli Asia?

Leggi tutto...

 

Montefeltro
Il Tempo di far la Fantasia

StampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Venerdì 29 Aprile 2022 13:43

Appartenenti al cosiddetto secondo filone del new prog italiano, i Montefeltro esordiscono con un un magnifico affresco sinfonico che, partendo da coordinate chiaramente genesisiane, raccoglie l'eredità di gruppi italiani piuttosto seminali.

Leggi tutto...

 
 

Pagina 10 di 21

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.