Home Recensioni Live Jethro Tull - Bologna, Europ Auditorium, 14 Febbraio 2023

Jethro Tull
Bologna, Europ Auditorium, 14 Febbraio 2023

“Devi fare finché puoi. Ed è l’obiettivo fondamentale per un artista della mia età: la dura realtà di invecchiare sapendo che non hai più molto tempo davanti a te" (Ian Anderson)

Una band eterogenea, con radici musicali estremamente diverse, il jazz per il batterista Scott Hammond, la classica per il tastierista John O'Hara e poi il chitarrista Joe Parrish, ultimo arrivato, che si adatta bene: da fan dell'heavy metal con un background folk, suona toni più duri e supporta il flautista vocalmente. Ian Anderson modella sulle sue attuali ridotte possibilità vocali la scaletta con una prima parte centrata sui pezzi più datati ed un secondo set dalla produzione più recente. “Zealot Gene”, ispirato a motivi biblici, è ancora molto presente nella setlist e musicalmente rimane nella solita zona di comfort dei Jethro Tull tra folk e rock progressivo. La title track si rivolge a politici di potere come Trump e al loro uso improprio dei media digitali. "Mine Is The Mountain" è musicalmente basato sul leggendario "My God" ed è messo in scena visivamente dalle impattanti videoproiezioni. Ovviamente è difficile fare una selezione da un carniere musicale così ampio che soddisfi tutti i fan. Il risultato delle considerazioni con cui si è voluto gratificare il pubblico è stato un set con 18 pezzi comprensivi del bis. Una miscela che ha appagato visibilmente e inequivocabilmente i numerosi spettatori della fascia di età over 50 che hanno partecipato.

Dai primi lavori della formazione originale figurano “We used to know”, salutata con gioia dalle prime progressioni degli accordi nel suo elegante 12/8, “Cross-Eyed Mary” e “Bourée”. Nel corso degli anni, lo stile della musica è cambiato assieme alle formazioni, con il flauto di Anderson che plasma il suono e rappresenta la più grande caratteristica di riconoscimento della musica dei Tull. Classici come "Aqualung", rivisitata, e la solida folk "Heavy Horses" vengono eseguiti con competenza e potenza dalla formazione. Lo spettacolo rinuncia quasi completamente ai troppi annunci intermedi del leader per garantire la giusta tensione emotiva. Le registrazioni in videoproiezione mostrano la carriera della band e sollevano interrogativi etici quali: il problema nutrizionale di una popolazione mondiale in rapida crescita, i conflitti generazionali, cereali geneticamente modificati, politica e case farmaceutiche. Solo alcuni tra i tanti tormenti che Anderson affronta sotto forma di missione ed impegno musicale. Visual, a mio parere, troppo debordanti che distolgono con il loro flusso continuo l’attenzione dalla musica. Il metaforico treno in corsa della crescita della popolazione e del capitalismo era basato esattamente su quel tipo di interrogativi: siamo su questo mezzo in folle corsa e non possiamo scendere. Dove si sta dirigendo? L’interrogativo aperto schiude al grande finale con il bis, esattamente "Locomotive Breath”, che lascia una leggera malinconia, ma riempie anche il cuore per aver scelto di essere stati presenti.


Ian Anderson: voce, flauto

Joe Parrish: chitarra

David Goodier: basso

John O'Hara: tastiere

Scott Hammond: batteria


setlist:

Nothing Is Easy

Cross-Eyed Mary

With You There to Help Me

Sweet Dream

We Used to Know

Wicked Windows

Holly Herald

Clasp

Mine Is the Mountain

Bourrée in E minor

Set 2:

Heavy Horses

The Zealot Gene

Warm Sporran

Mrs Tibbets

Dark Ages

Aqualung

Encore:

Locomotive Breath

Teatro EuropAuditorium

Bologna

Banner

Recensioni underground più lette

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.