Home Recensioni Live Modern Standards Supergroup feat. Billy Cobham, Randy Bracker, Bill Evans - Roma, 11 Luglio 2022

Modern Standards Supergroup feat. Billy Cobham, Randy Bracker, Bill Evans
Roma, 11 Luglio 2022

Roma, 11 Luglio 2022 - Summer Time - Casa del Jazz

Si ringrazia per le foto la Casa del Jazz

Trittico davvero notevole quello appena trascorso alla Casa del Jazz, con la presenza di giganti del jazz-rock, dapprima con Mike Stern e Dennis Chambers, passando per il Modern Standards Supergroup di Billy Cobham, Bill Evans e Randy Brecker, infine John Scofield martedì 12 luglio.

Il filo conduttore è ovviamente associabile alle fondamentali collaborazioni di questi maestri con il compianto Miles Davis.
Cobham nel periodo di passaggio al periodo elettrico di Davis al termine degli anni ’60, Stern ed Evans scoperti proprio da Miles durante il suo ritorno alle scene nei primi anni ’80.  Infine Scofield, che sempre negli anni '80, grazie alle collaborazioni con il trombettista, espanse i suoi orizzonti oltre il jazz più classico.

Il Modern Standards Supegroup è un progetto molto interessante, creato dal pianista e compositore svedese Niels Lan Doky con l'intenzione di guardarsi attorno, esplorando altri lidi della musica moderna, in particolare quella pop, rielaborandola utilizzando i dettami jazzistici. Il risultato è davvero di qualità.

Lan Doky sta portando avanti questa idea, circondandosi di illustri colleghi come Billy Cobham alla batteria, Bill Evans al sax e Randy Brecker alla tromba, noto session man che ha collaborato con uno sterminato numero di grandi artisti del panorama internazionale. A completare la formazione Linley Marthe al basso.
Il gruppo si è cimentato in brani assai diversi tra loro, partendo da Shakira & Black Eyed Peas, passando per Taylor Swift, Dua Lipa fino ad arrivare a riproporre "Dynamite" dei BTS, gruppo appartenente all'ondata K-Pop.

L’inconfondibile groove di Cobham restituisce un’energia ai brani fantastica, l’abilità del batterista americano unita a quella dei suoi sodali è di saper dosare coralità quando necessaria, con lo sviluppo delle proprie linee solistiche.
C’è sempre ampio spazio per la traiettoria di ciascun strumento, ma è sicuramente nei momenti di sovrapposizione tra le due voci Brecker e Evans che si alternano o si sostengono l’una con l’altra prima e gli scambi ritmici tra Cobham e Marthe poi, che si denota il livello eccelso di questo supergruppo.
Un esempio su tutti, l’ottima rielaborazione dei Silk Sonic con "Leave The Door Open". Il brano si presta davvero bene allo sviluppo dialogico tra i due fiatisti che con i loro strumenti si sostituiscono agli scambi vocali di Bruno Mars ed Anderson Paak.

Il pianista danese tesse la trama sornione, regalando cristallini momenti di intricati passaggi al piano che mostrano tutte le sue qualità di virtuoso. Sicuramente il suo approccio è più defilato rispetto ai compagni e molte volte questa cosa si avverte, la preponderanza di Cobham ed Evans gioca un po’ a sfavore nei confronti di Lan Doky. Non da meno è Linley Marthe che mostra di essere a suo agio negli incastri ritmici con Cobham.

Il gruppo concede un ultimo pezzo di chiusura con "Jean Pierre" di Miles Davis, estratto dal disco We Want Miles, brano che sta molto a cuore a Evans, risalente ai suoi anni d’esordio con Davis. Personalmente la serata ha raccolto maggiori soddisfazioni, rispetto alle aspettative. il Modern Standards Supergroup è autenticamente un progetto che lascia spiazzati.

 



Niels Lan Doky: piano
Billy Cobham: batteria
Bill Evans: sax tenore e soprano
Randy Bracker: tromba
Linley Marthe: basso

Data: 11/07/2022
Luogo: Roma - Casa del Jazz
Genere: Jazz

Setlist:
Girl Like Me (Shakira & Black Eyed Peas)
Take You Dancing (Jason Derulo)
Willow (Taylor Swift)
Physical (Dua Lipa)
Leave The Door Open (Bruno Mars & Anderson Paak)
Dynamite (BTS)

Encore:
Jean Pierre (Miles Davis)

 

 

Articoli Correlati

Banner

Recensioni underground più lette

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.