Casa
Nova Esperanto

Questo disco di Casa che cronologicamente esce come undicesimo è in realtà il primo lavoro inedito di Filippo Bordignon realizzato nel 2006 e recuperato solo oggi.

L’album prende vita a Milano durante una affannosa ricerca di interlocutori discografici per il proprio materiale e si presenta come “punk’n’loop extraparlamentare” ma che è inscrivibile nella produzione industriale elettronica di cui il nostro paese è stato uno dei protagonisti fin dagli anni ’80.
Realizzato con Fabio de Felice all’elettronica e Gigi Funcis le atmosfere di “Nova Esperanto” sono infatti cupe, scure, claustrofobiche, intrise di distorsioni, di voci multilingue al limite dell’intellegibile e dall’asintattico.
Il tema portante del disco sono gli anni ’70 visti in una logica estrema e cruda in una serie di provocazioni controculturali.
Filippo Bordignon affronta senza censure l’immaginario storico degli anni 70 dedicando il concept album a fatti e personaggi degli anni ’70 partendo con un brano ispirato dalla figura di Ulrike Meinhof (A Ulrike) fondatrice della RAF (Rote Armee Fraktion).

Ma i riferimenti sono molteplici: sono evocati il giornalista e agente del SID Guido Giannettini (Agente Z), il grande raduno del proletariato giovanile organizzato da “Re Nudo” a Parco Lambro nel 1976, l'editore guerrigliero Giangiacomo Feltrinelli (Feltrinelli Gap) fondatore dei GAP scomparso tragicamente nel 1972  e i fondatori delle Brigate Rosse (Renato, Alberto e Margherita).

La drammaticità delle tematiche è ben evocata dal linguaggio rigoroso e senza compromessi, fuori dalle comode forme consuete e che fa di “Nova Esperanto” una produzione italiana di profilo internazionale.


Filippo Bordignon - voce
Fabio De Felice - elettronica
Gigi Funcis – elettronica, sintetizzatore
Alekandar Koruga - elettronica su No agape
Gianni Bertoncini - batteria digitale, elettronica su Parco Lambro, Feltrinelli Gap, Agente Z, Renato, Alberto e Margherita
Irene Bianco - marimba e percussioni su A Ulrike, Lingua artificiale, No agape, melodica su Ülkü Ocakları
Michele Zattera – chitarra elettrica su Parco Lambro, Militanza e clandestinità, Renato, Alberto e Margherita
Giuseppe Laudanna - arrangiamento, tastiera elettronica, sintetizzatore su Nullificazione

Anno: 2021
Label: Dischi Obliqui
Genere: Industrial, Sperimentale

Tracklist:

  1. A Ulrike – 2:50
  2. Parco Lambro – 3:29
  3. Ateo Stato – 3:31
  4. Lingua artificiale – 3:17
  5. Militanza e clandestinità – 3:03
  6. Feltrinelli Gap – 3:53
  7. Agente Z – 2:59
  8. Ülkü Ocakları – 3:02
  9. Walking Down the Street – 5:15
  10. No agape – 4:57
  11. Renato, Alberto e Margherita (include la traccia fantasma Nullificazione) – 13:03


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.