OAK
Nine witches under a walnut tree

Uscito in vinile il 9 settembre per Goodfellas e presentato meno di 20 giorni dopo alla XXVIII Fiera del Disco/Music Day di Roma, il nuovo album di OAK (Oscillazioni Alchemico Kreative) - one man band che i più attenti ricorderanno nella ricca scaletta del Prog Exhibition del 21 ottobre 2011 (con loro, sul palco, anche Maartin Allcock, in apertura di gruppi blasonati quali Saint Just Again, UT New Trolls, Balletto di Bronzo con Richard Sinclair, Arti & Mestieri con Mel Collins) - si scrolla definitivamente di dosso l'etichetta di band devota ai Jethro Tull e presenta un album complesso e mistico di grande suggestione e fascino.
Cantato in tre lingue differenti, il disco abbraccia più generi musicali, offrendo un'efficace stratificazione. 
"Franchetta Borelli", ad esempio, miscela prog, fusion e ascendenze goblinane mentre l'ascoltatore oscilla come un pendolo prima verso i contesti chiaramente new prog di "Dame Harvillers" e "Rebecca Lemp", poi esplorando le atmosfere da medioevo incontaminato di "Janet Boyman", dopo, ancora, con "Polissena", in entrambe le direzioni musicali, dando vita ad un connubio sorprendentemente efficace.
"Donna Prudentia", infine, parrebbe optare per le soluzioni tipiche di un pop rassicurante se non fosse per l'intervento dell'istrionico David Jackson che riporta l'ascoltatore su magiche coordinate progressive. 
Le influenze del maestro Ian Anderson sono ormai sporadiche, pur doverosamente presenti, non soltanto grazie alla presenza di Jonathan Noyce, bassista dei Tull dal 1995 al 2007: in "Chlodswinda", ad esempio, l'eleganza dinamica abbracciata in "Crest Of A Knave" pare un tutt'uno con il folk zeppeliniano di "Over The HIlls And Far Away", mentre in "Gioconna" e "Nadira" prevalgono criptiche soluzioni settantiane, sublimate da voci femminili perfettamente contestualizzate.
Nella migliore tradizione old school, il leader Jerry Cutillo adotta l'archetipo del concept, all'interno del quale attenziona nove streghe, una per ciascun brano, previa esaltazione del rapporto mistico fra la città di Benevento e le popolazioni longobarde.




Jerry Cutillo: all instruments
except:
Jonathan Noyce: bass (all tracks except 4)
David Jackson: Sax (7)
Daniele Fuligni: Grand Piano (3)
Tetyana Shyshnyak: soprano & bk vocals (2, 9)
Cristiana De Bonis: vocals & bk vocals (8, 9)
Gerlinde Roth: vocals (9)
Marta Perozzi: bk vocals (1)
Eclisse di Luna: bk vocals (9)

Anno: 2020
Label: Godfellas
Genere: Prog

tracklist:
Chlodswinda 6:12
Gioconna 3:49
Dame Harvillers 5:10
Janet Boyman 3:32
Franchetta Borelli 6:25
Polissena 4:41
Donna Prudentia 5:27
Nadira 5:30
Rebecca Lemp 6:02

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.