Nirnaeth
Anthropocene

Leggo sulla rete che questo gruppo suonerebbe una sorta di "thrash metal evoluto" che offrirebbe un apparente intreccio tra Metallica e Voivod
Credo sinceramente che questa definizione sia quanto di più inadeguato si possa scrivere per un disco del genere che, invece, e meravigliosamente, esalta la tradizione epica e maledetta di un mito come i Cirith Ungol.
Giusto per rendere l'idea, questo disco suona molto più Cirith Ungol dei Cirith Ungol stessi in "Paradise Lost", giocandosela addirittura alla pari con il pur ottimo "Forever Black", al momento loro ultimo album (lo abbiamo recensito QUI).
Ed infatti, a dirla tutta, il moniker Nirnaeth ricorda "La battaglia delle Innumerevoli Lacrime" del Signore degli Anelli, scenario immaginifico già adottato dai blasonati colleghi d'oltre oceano.
Ebbene, se questi tizi di Bergamo, come apprendo consultando il web, suonavano thrash nei due dischi precedenti, oggi essi compiono un vero miracolo, cambiando piuttosto repentinamente le coordinate sonore a loro care, addentrandosi con perizia e credibilità nello scenario epico tratteggiato dai due scheletri in preghiera, non soltanto grazie ad una voce rugginosa e graffiante che evoca i meravigliosi retaggi arcaici del pioniere sgraziato e stridulo che risponde al nome di Tim Baker, ma anche per merito di un riffing efficace che mai una volta risulta intaccato dall'infezione morbosa dell'affettazione spiccia.
Ciò vale anche quando il combo richiama le influenze dannate dei primi leggendari Black Sabbath, particolarmente omaggiati nelle plumbee cadenze di "Hammer" e nell'incedere caracollante di "La Maledizione dell'umanità", brano, quest'ultimo, tra i pochi, nell'intero scenario hard & heavy peninsulare, a mantenere efficacia pur adottando la lingua madre, e ciò la dice lunga sulla indiscussa attendibilità di questo organico.
Fa eccezione il brano che dà il titolo al disco, diviso in due movimenti, posti rispettivamente in apertura e chiusura dell'opera: il primo effettivamente richiama alcuni stilemi del citato genere thrash, pur inseriti nello scenario sonoro sopra ampiamente descritto; il secondo si evidenzia quale genuina rappresentazione di ambient a vocazione horrorifica.







Marco Lippe: vocals, drums, keyboards
Marco Grey Tombini: guitars, backing vocals
Simone Fumagalli: guitars
with
Leonardo Rocchetti: bass, backing vocals

Anno: 2020
Label: Andromeda Relics
Genere: epic metal, hard rock


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.