Alfie
In she could only remember my name

Alfie è Alfonso Anagni, artista con un passato nella musica elettronica che oggi, piuttosto inaspettatamente, abbraccia la compagine acustica, in bilico tra folk e country tradizionale.

L'ascolto dell'album suggerisce retaggi culturali piuttosto blasonati: talvolta pare di percepire l'influenza del Neil Young più country, quello allegrotto (ma mai banale) di album come "American Stars 'n Bars", "Comes a Time" e "Hawks & Doves"; nei brani "A song for Clint" e "Let's speak the truth", è oltremodo predominante la rustica ruralità del sud degli Stati Uniti, mentre "The Easter song" omaggia la cultura chicana con citazioni che rammentano, pur in termini decisamente più morbidi, quanto già espresso in passato dai seminali Tito & Tarantula (li ricordate nel cult movie "Dal tramonto all'alba"?).
L'unico episodio in italiano, "In onore della sposa", ha il pregio di farci tuffare sia nei già citati contesti country (pur con il cantato, che comunque non sembra penalizzare alcunché), sia nella musica popolare italiana, verso cui sembra dirigersi l'artista a metà del pezzo.
Rimangono infine "The waiting game" e "The great north run" che richiamano piuttosto fedelmente la cultura folk di matrice westcoastiana, pure evocata nel titolo dell'album, chiaro tributo a quel magnifico esempio di rarefatto incantesimo musicale rappresentato da "If I Could Only Remember My Name" di David Crosby. Ciò riguarda anche l'aspetto vocale, pur con riferimento alle sole background vocals, cosa non facilissima, quando si parla della compagnine Crosby Stills Nash & Young. La voce di Alfie, invece - e si rimane nell'alveo californiano - pare talvolta vicina ai registri del Jackson Browne più etereo.
Concludendo, si tratta di un album di pregevolissima qualità che, piuttosto inaspettatamente, apre uno scorcio sulla cultura d'oltreoceano con approccio onesto e raffinato.

label: Seahorse Recordings/Audioglobe 2020
genere: Cantautore, Alt-country
anno 2019

Tracklist
1. The great north run
2. I hate the blues
3. Not with you
4. A song for Clint
5. In onore della sposa
6. The waiting game
7. The Easter song
8. Let's speak the truth
9. The blue hill
10. Sometimes


band:
Alfie: acoustic guitars, bass, lead & backing vocals, electric guitar
Nefer: backing vocals
Primiano Di Biase: piano, hammond, accordion
Flavio Pasquetto: pedal steel, dobro, banjo, el. Gtr on track 8
Pierpaolo Ranieri: double bass on tracks 1,3,6
Light Palone: double bass on 4,8,10
Antony Silvieri: violin
Fabrizio D’Alisera: baritone sax, horns arrangements and conductor
Federico Proietti: Trombone
Sandro Travarelli: trumpet
Andrea Piccioni: Italian tamburello on track 5
Nikolai Banke: drums
Alessandro Marzi: drums track 7

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.