Treetop Flyers
Treetop Flyers















Questo gruppo di Londra si presenta al pubblico con un terzo album che, in linea con la precedente produzione, pesca da un passato molto lontano, senza innovare, volutamente omaggiando. Tuttavia, piuttosto che subire le influenze della psichedelia dei sixties americani, francamente appena lambita, nonché il sound accattivante della West Coast del decennio successivo, come viene arditamente espresso nella rete (se si esclude il brano "I Knew I'd Find You", una perla acustica impreziosita da meravigliosi intrecci vocali, il paragone con Crosby, Stills e Nash rimane improbabile anche con la consapevolezza che il moniker "Treetop Flyers" è saccheggiato da un brano del secondo), gli inglesi sembrano eleggere la delicata propensione soul di Van Morrison alle quali si aggiungono una certa attitudine soul e abbondanti siringate di lap steel guitar dal marcato sapore hawaiano.
Raffinati, colti, delicati, i Treetop Flyers producono un disco di gradevolissimo soulful, condito di languide carezze che si dipanano in un piccolo scorcio di sognante attitudine riflessiva. 
band:

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.