Spread
Vivi Per Miracolo

Difficile stufarsi di dischi cosi. La terza opera dei bergamaschi Spread dà la netta sensazione che dentro le 10 tracce di “Vivi per miracolo” ce ne siano altre decine, come se suonassero svariate bands condensate in una soltanto. Quando ti stai abituando ad un genere, ecco che il geniale combo bergamasco te lo voltura rapidamente senza darti  il tempo d’indovinare cosa ci aspetterà il prossimo minuto.

Con il prezioso supporto di Alberto Ferrari dei Verdena ecco, quindi, quel disco che si cerca sempre con poche speranze, quel disco che trasforma lo scetticismo (di non scorgere più qualità)  in coraggio concreto e di intravedere nuovi e brillanti panorami per la musica di oggi.  Si comincia con la dinamica wave di  “Trumpolino”, tirata a lucido a velocità sostenuta con sospensive ritmiche sul finale. “Sottinsù” svela più volti stilistici: ci trovi schegge di pop-beat, come cavalcate country ed inserti orientaleggianti mentre, con l’effettistica graffiante e bizzarra di “Koskoosh”, danno il via ad un tourbillon d’accordi intrecciati ed estranianti.  Con il post-rock (e a tratti prog) , “Ccnnpp” si guadagna la palma del brano più insolito ed affascinante dell’opera. 

Man mano che li ascolti, i Spread ti girano la frittata con sorprese a raffica e tutto questo può generare solo ed unicamente da una grande sperimentazione di “work in progress”.  Non può essere vero? Allora, fate scorrere “Cifre uniche” e “C’è chi non lo sa” e avrete coscienza di quanto siano stilisticamente inafferrabili , mischiando  generi con sterminata fantasia, spiazzando il fruitore con un cantato incalzante e deciso.  “Fedora” tenta la strada della ballad ma la loro inusuale pulsione Prog è, spesso, in agguato e fa presagire che, nell’insieme, sono già indiscussi pionieri del genere.  Con sezioni acide ed urticanti, “Spaghetti, aglio e odio” la condiscono con gustose salse d’elettronica e piccanti sonorità. Fidatevi:  ve lo confermerà  anche l’ultima traccia che quest’album non è un “Fuoco di paglia” ed ognuna ha connotati distinguibili: qui con loops martellanti, controtempi, virate ipnotiche ed una quadrata identità, a sostegno di una genialità compositiva inopinabile.  Se, ogni giorno, è un dono che si ripete con ineluttabile precarietà, salvaguardiamo  quelle poche, sostanziali concretezze che fan continuare il miracolo della vita, cominciando (perché no?) da questi esempi di musica entusiasmante.

Formazione
Roberto Longaretti : Voce, chitarra, tastiere
Paolo Colleoni: Batteria e percussioni
Valentino Novelli: Basso
Paolo Fusini: Chitarre, tastiere, pedal steel. guitar

Tracklist
01. Trumpolino
02. Sottinsù
03. Koskoosh
04. Ccnnpp
05. Cifre uniche
06. C’è chi non lo sa
07. Fedora
08. Spaghetti aglio e odio
09. Come nuovi
10. Fuoco di paglia

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.