R’M’B
Shui

“Verba volant, (instrumental) scripta manent…” E’ probabile che la pensi cosi il trio toscano degli  R’M’B , che sceglie la strada strumentale per debuttare con gli otto brani di “Shui” : Un’oretta da passare in assoluta assenza di rumori intorno per immergersi nelle variabili atmosfere della band, che marca  il suo territorio con segnali di  blues, fusion, funky, rock e prog.  Di questi tempi, dove la trovi tanta roba cosi rara e poco dozzinale? Fortuna che le eccezioni arrivano quando meno te l’aspetti e sia benedetto questo “Shui” che ci esula da oceani di inutili bla-bla di presunt(uos)i  profetini del canto che inquinano pentagrammi  di qualità. Fresca e limpida, come l’acqua (shui) del titolo, l’album è un continuo divenire di sorprese ed improvvisazione che non indugia in futili virtuosismi ma sa infondere quel giusto fascino senza esagerare in vacue opulenze.  L’entrata è affidata alle pulsazioni di basso di  “Blueasy Feeleasy” in stile  Alan Parson’s Project per poi lanciarsi in varie aperture di blues e scalate armoniche di richiamo Prog.  “DD “” e “P.E. 4” scaldano i cuori con il morbido cullare della sei corde acustica, la quale ispira sfere malinconiche in un lento fluire.  A seguire, la bizzarra “Oppacountry Stile 2” col suo frizzante country-style che fa schioccare le dita in dinamico galoppo. Invece, “Scarlet 3” è, forse, il brano meno fantasioso con un nervoso riff di chitarra tirato per le lunghe e che ritorna, dopo, nei seppur validi inserti funky. La title-track ha un lentissimo incedere ma fascinoso nel suo sviluppo fusion-blues, con ameni assoli Metheny-ani.  Per quasi tutto il viaggio, si odono gustose sessions mai finalizzate a ostentare tecnica ma a trasmettere “good vibrations” e ci convincono sempre più che le parole sarebbero state un inutile orpello. Notate come anche i titoli siano ridotti al minimo sindacale.

Ora è la volta di “Spectre 5” che gode di ottimi spunti con una trama fresca  e vivace, la quale garantisce all’orecchio un ascolto di eccellente fattura, con fughe chitarristiche per nulla dozzinali.  Col più alto tasso d’improvvisazione, la closing-track “Switch 2” è fantasiosa ed evasiva, ricca di tratte diversificate, fino a sfoderare scampoli climatici, severi ed ossessivi, in chiusura. Terminato l’ascolto, rivolgiamo un sincero appello agli R’M’B, affinchè “Shui” non resti un figlio unico, in quanto la strada perseguita è già brillantemente approvata, avendo lasciato, anche noi,  senza…parole.

Formazione
Federico Righi: batteria
Marco Mezzacapo: chitarre
Lorenzo Billeri: basso

Tracklist
01. Blueasy Feeleasy
02. DD 2
03. Oppacountry stile 2
04. P.E. 4
05. Scarlet
06. Shuai
07. Spectre 5

 


Tags:

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.