Psychords
Save My Sanity

“Save My Sanity”, il debutto delle Psychords, racchiude un genuino e contagioso punk rock dai toni decisamente brillanti.
La band milanese, formata da Violet Burns, Gio Highlander e Claudia Lo, pubblica il primo album dopo l’omonimo EP uscito nel novembre del 2015. La musica delle tre ragazze, fiorita in Italia, ha varcato in poco tempo i confini del nostro paese raggiungendo il Regno Unito ed arrivando persino in America. Dopo una serie importante di concerti (“The Unicorn Camden Live”, “Rebellion Festival”, Estate Market Sound”, “Strummer Calling Festival”) che hanno messo in evidenza il loro talento, le Psychords fanno esplodere una bomba di pura adrenalina. “Save My Sanity” è un masso che rotola velocemente lungo l’aspro pendio del punk provocando diverse scosse sonore molto accattivanti. Nonostante il genere si presti alla totale spensieratezza, il trio affronta in modo del tutto originale il tema della libertà. Ogni brano è la raffigurazione di un urlo che spezza le catene della schiavitù, dell’oppressione, degli stereotipi, della routine, delle persone sbagliate, delle paure. Tutto ciò viene intinto nei riff tipici del punk rock: schitarrate trascinanti e ritmiche divertenti che tengono a debita distanza le grinfie della noia.
“Save My Sanity” è un album da ascoltare tutto d’un fiato, che raccoglie la storia di un genere musicale sempre più vivo per seminarla nel fertile terreno di ognuno di noi. La speranza finale (‘Try’) è che possano germogliare buoni propositi, tanto forti da resistere alle raffiche di vento quanto determinati da trasformarsi in fiori sorprendenti.

Anno: 2017
Label: Headcheck Records
Genere: punk, rock

Tracklist:

01. Anne
02. Slave
03. Save My Sanity
04. Waiting For Django
05. Heels 14
06. 20156
07. Power
08. No Refund
09. Danger Girl
10. Try

Formazione:

Violet - voice , guitar
Giò - bass , voice
Cla - drums , voice

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.