Corruption
Spleen

I Corruption, band polacca attiva dal 1991, danno alla luce l’ottava interessante creatura, battezzandola con il nome di “Spleen”.
L’essere, elettrizzato da una carica puramente heavy, esplora l’universo metal attraverso le diverse sfaccettature che ne caratterizzano il genere. L’impronta lasciata da “Spleen” nel corso delle sette tracce è marcata ed evidente, tanto da poterla paragonare, senza troppi dubbi, a quella lasciata dai Pantera negli anni novanta. La voce di Lucasz, infatti, ricorda quella ruvida, calda e potente di Phil Anselmo, ma i Corruption vanno ben oltre questo semplice ed immediato paragone. É la loro lunga carriera a dimostrare che i nostri non sono il clone di nessuno: la varietà sonora espressa nel nuovo disco è il lasciapassare per varcare gli sconfinati territori del metal. Le ritmiche granitiche, dinamiche ed assolutamente coinvolgenti che compongono l’opener ‘Hatred’ si specchiano sulle sonorità più stoner di ‘Righting My Wrongs’ senza mai perdere la propria verve. L’ascolto di “Spleen” risulta estremamente godibile grazie a ritornelli azzeccati e riff incancellabili dalla memoria come avviene in ‘Shades Of Death’: brano dal quale riaffiora lo spirito dei più recenti Metallica. I Corruption sorprendono anche quando i ritmi vengono inghiottiti dalle sonorità fumose di ‘Dead Shell of a Human Existence’ e dal sospiro quasi blues di ‘Asterism Ursa Major’ che ha il compito di chiudere un disco il cui unico difetto è racchiuso nella breve durata. In poco più di mezz’ora “Spleen” si consuma come una candela divorata dal fuoco, ma, a differenza della cera, la musica continua ad ardere anche per merito degli inestinguibili Corruption.

Anno: 2017
Label: Corruption
Genere: stoner/heavy metal

Tracklist:

01. Hatred
02. Righting My Wrongs
03. Shades of Death
04. I Piss on Your Grave
05. Dead Shell of a Human Existence
06. Burn from Within
07. Asterism Ursa Major

Line Up:

Piotr "Anioł" Wącisz (Bass, Vocals)
Łukasz "Icanraz" Sarnacki (Drums, Percussion)
Piotrek "Sooloo" Solnica (Guitars)
Łukasz "Chuck" Adamczak (Vocals)

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.