Habelard 2
Hustle&Bustle

Quarto album per il progetto solista di Sergio Caleca (degli Ad Maiora) sotto il nome di Habelard 2, a pochi mesi da “Maybe” uscito sempre nel 2017. In “Hustle & bustle”, Caleca, come nei primi due album in proprio, si occupa di tutti gli strumenti, dal basso alle chitarre e alle tastiere con le quali “riproduce” il sax, la batteria, gli archi, l’oboe ed altri strumenti ancora. Tredici brani interamente strumentali concepiti a partire dagli anni ’90 (uno addirittura nel ’77…) e poi riarrangiati, anche più volte, fino alla versione definitiva presentata sul cd. Come già in “Maybe” la proposta di Caleca va a “scomodare” i primi Genesis, i lavori d Anthony Phillips e Steve Hackett, non dimenticando le seducenti melodie proprie dei Camel o dei Caravan, innervandoli, qua e là di sentori folk. Certamente la produzione “casalinga” e l’occuparsi di ogni aspetto del lavoro, presenta dei limiti oggettivi, ma Caleca, con l’esperienza, con gusto e sensibilità riesce ad ovviare, almeno parzialmente tali “difetti” e presenta un lavoro credibile e meritevole. Non manca il “divertissement” come la rielaborazione di “Fra Martino campanaro”, “Frère Jacques” posto ad inizio album; né il “sinfonico” con un pizzico di malinconia come in “Alice” (uno dei brani più recenti e con meno restyling); tantomeno la raffinata eleganza di “Folk e martello” deliziosamente acustica prima, decisamente più rock poi. Ed ancora un viaggio in Irlanda nella gioiosa “Celtic dream” con cornamuse, flauto, viola, arpa (sempre riprodotti con le tastiere) ad accompagnare la strumentazione elettrica.

C’è spazio per un gustoso jazz-rock in “Cinc ghei pusè ma rus” (dialetto milanese…) e per la nostalgica “Seventies” (il brano più “vecchio” del lotto, come da titolo…) dolcemente acustica. Bella anche la title-track molto keyboards-oriented e la sinfonica “Finalino” posta ovviamente…in coda all’album. Ennesimo discreto lavoro per questo tastierista/chitarrista ultimamente molto prolifico ed anche ispirato. Il punto interrogativo è rappresentato dall’autarchia artistica e dalla conseguente assenza di un supporto “reale” di alcuni strumenti che ovviamente avrebbero dato più “profondità” al sound ed anche maggior coesione al lavoro. Evidentemente il desiderio di far sentire la propria musica e qualche difficoltà “logistica” hanno spinto Caleca a questa scelta autonoma ed il risultato è comunque soddisfacente.

 

CS records 2017 ITA

 

Songs / Tracks Listing

1. Frère Jacques (6:13)

2. Dolce (3:51)

3. Giada (4:27)

4. Alice (5:03)

5. Folk e Martello (6:56)

6. Tragico nr.2 (3:25)

7. Celtic Dream (4:42)

8. DeboleFortePiano (4:33)

9. 22 Corde (2:46)

10. Cinc Ghei Pusè Ma Rus (6:06)

11. Seventies (3:19)

12. Hustle & Bustle (4:52)

13. Finalino (4:13)

Line-up / Musicians

- Sergio Caleca / all instruments (keyboards, el. bass, classical, acoustic and electric guitars), drums performed by keyboards through sequencer

 

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.