Porco Rosso
Living dead

Per descrivere l’ineluttabile decadenza umana, tanto malata quanto apatica e sottomessa, su che genere sareste indirizzati? I pisani Porco Rosso puntano su quello più consono e spaventoso: l’horror-punk, infarcito di synth ed elettronica. 
Sono due ma terrorizzano per cento, con una spiazzante effettistica che mira ad una benefica scossa delle anime viventi (?). Mah… è proprio il punto interrogativo che lancia il dubbio: in realtà, di vivo, cosa è rimasto? Solo zombi vaganti con la presunzione di essere vivi, senza avere coscienza di stare alla mercè degli sporchi giochi di Potere, ingrassati da interessi e spocchia d’immagine. E allora, che l’inferno cominci con i 10 angoscianti proclami di Living dead, che si snodano su labirinti sintetici di loops e  tastiere acidissime con canti strazianti che ci richiamano all’ordine: quello di restaurare la vita quanto prima (se non è già troppo tardi…). Ed in questo caos terreno non se ne parla proprio di “Baci e abbracci”, perché l’apocalisse si è consumata in tempi rapidi. Tutto questo grazie alla “Marcia dei maiali”, commentata da synth stridenti e asettico punk decelerato. Ma, nella massa del grufolare umano si scivola, inevitabilmente, negli abissi del “Profondo nero”, con tipica ossessione di percussioni asciutte e martellanti. Il duo bastona e dissacra alla cieca senza scrupoli. Non confondete la lirica Verdiana di traccia otto “La Traviata” con “Il Traviatore”: qui arieggiano tasti saltellanti e gommosi su scie velenose di synth. Il declino è ultimato con la delirante “Night breed”, paranoica all’inverosimile ma con intenti destanti per contrastare gli effetti soporiferi iniettati sul popolo dagli strateghi di Palazzo. Con questo manifesto allarmistico i Porco Rosso hanno attuato al meglio la loro missione: quella di offrire un benefico impatto sovversivo sulle coscienze, affinchè le prossime generazioni non si trovino (anche loro) inciso sulla schiena l’epitaffio “RIP”.  E cosi sia….

Year: 2017
Etichetta: New Model Label
Genere: post-punk, elettronica

TRACKLIST
01 – Introne
02 – Baci e abbracci
03 – Alma Maruska
04 – La marcia dei maiali
05 – Profondo nero
06 – The living dead in Rome
07 – Metatron
08 – Il traviatore
09 – Night breed
10 - Outrino

FORMAZIONE:
Michele Ricoveri: voce, basi, partiture elettroniche
Giovanni Sodi: organo e synth


 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.