Metropol Parasol
Farabola

In meno di due anni di militanza i viareggini Metropol Parasol arrivano all’esordio con “Farabola”, comprensive di 7 tracce stratificate e dal diverso rilievo.

Se da un lato, va dato atto quanto sia stato importante variegare il tracciato, dall’altro sono incappati nel frequente errore di molte bands di voler dimostrare sùbito la propria  duttilità nel proporre qualcosa  che non sia banale ma occorre che ci sia un collante giusto, un trait-d’union, uno spago sonoro che eviti, alle tracce, di  legarsi con  bruschi  cambi uditivi, spiazzanti per l’ascoltatore.  L’esempio lampante è dato dalla successione di “Millenovecentonovantasei” e “Emile”: la prima è una canzone, se vuoi, comprensibile nelle intenzioni malinconiche e colma di amarcord ma inconsistente nell’approccio ed esile nella struttura: la seconda sbraita di violenza tematica con un rimpallo tra emo-core e punk, che tradotto significa genuinità e cuore.  Capito l’antitesi? Però, in apertura,  i ruggiti chitarristici di “I.n.n.o.” si apprezzano per saper accompagnare il canto serrato e narrante di Francesco Tamagnini, che s’inasprisce in un finale ossessivo, seppur tirato troppo per le lunghe.  “Quel pezzo” viaggia su accordi lineari ma capaci di imprimerli col giusto impatto e la pausa nel mezzo dà respiro al brano. Con  la cover di “Garrincha”, i toni si stemperano al momento opportuno, con una ballad al minimo strumentistico: solo drum-machine  ed effetti di synth.  Di freddo c’è ben poco in “Inverno” : semmai calore e acidità punk-rock a marcare l’impossibilità di cambiare il presente in un’epoca malata.  Ancora i bassi potenti e distorti della seguente “Onde” è un retaggio gustoso di una certa new-wave che flirtava col punk.  Visto? Ci sono cose buone da salvare in “Farabola”  e, se in futuro,  i Metropol Parasol presteranno  più  attenzione a non cadere in certe anzidette ingenuità , se la possono giocare bene: i numeri ci sono ma occorre maturare e perfezionare ancora uno strato d’esperienza.

Tracklist:
01. I.n.n.o.
02. Quel pezzo
03. Garrincha (Karoshi cover)
04. Onde
05. Inverno
06. Millenovecentonovatasei (Ondina)
07. Emilio

Formazione:
Francesco Bocconi: basso
Francesco Tamagnini: voce
Federico Giannini: batteria



 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.