Predarubia
Somewhere Boulevard

Sono estrattori del rock più verace, fermamente convinti che le canzoni del genere in questione possano dar vita ad una svolta all’intero globo.

Questa non è assolutamente una malsana idea (come ammettono umilmente loro stessi), anzi, perseguire questo dogma è fondamentale per attingere sempre nuove forze e lanciare nell’etere qualcosa di energico che possa rinvigorire le incalcolabili anime flaccide e rassegnate che ci consegna l’epoca odierna. Un bravo, quindi, ai Predarubia che con l’esordio Somewhere Boulevard schierano in campo 11 attaccanti grintosi, tanto per ricordarci che il rock è granitico, immortale ed ancora saldamente al comando tra le preferenze mondiali.
Con “
Not in my name” tentano, inizialmente, di fuorviarci con un basso oscuro, che, però, si apre presto alle note forti per mettere in chiaro sùbito di che pasta sono fatti. La batteria percussiva di “Carousel off” ha, invece, spinte intenzionali su praterie sonore di buon impatto, con la guitar che non risparmia energie. Nel singolo “Rip” è come se Springsteen innestasse la quarta con accentuata ruvidità e con una bella prerogativa: il desiderio di essere in vita e l’incapacità di sopportare le bufale che corrono sul Web con tanto di finti cordogli. Ma l’ombra di Bruce si potrà ritrovare frequentemente nella vocalità di Giuseppe Pocai, che richiama anche quella di Filippo de Paoli dei Plan de Fuga. Lo spazio per le ballads è riservato a “Yesterday”, dalle tinte agro-dolci e “The waiting song”, sanguigna e delicata.
È ora di un “
Intermezzo”, con le chitarre che dominano la stesura del pezzo con giri secchi accentuati ed assoli di grande stampo rock. Ottima la trovata di “One day”, che ammicca al blues e lo camuffa mescolando riffs chitarristici anni ’80, mentre “In the distance” è la chiusura galoppante dell’album, brano che scatena fantasie di scenari immaginifici in modalità Boss.
I Predarubia superano bene la prova del debutto in quanto Somewhere Boulevard riassume degnamente la lezione assimilata dagli ascolti dei grandi nomi, la band suona sempre con gusto e tecnica confermandosi all’altezza della situazione. Se le vie del rock sono infinite, al bivio i
Predarubia hanno saputo imboccare la strada giusta.

Anno: 2017
Etichetta: Latlantide
Genere: Rock

TITOLI
01. Not in my name
02. Carousel off
03. Rip
04. Yesterday
05. A girl named Hope
06. Intermezzo
07. Somewhere baby
08. One day
09. Heaven unnecessary
10. The waiting song
11. In the distance

FORMAZIONE:
Giuseppe Focai: Voce, chitarra, piano
Massimo Triti: Chitarra
Luca Mori: Basso, voci
Zivago Anchesi: Batteria, voci

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.