The Soul Mutation
Times are changing

Album di gran classe, “Times are changing” è la seconda incisione per i bergamaschi “The Soul Mutation”.
Impatto sonoro di grande effetto e tecniche esecutive ammirevoli: queste le caratteristiche che da subito emergono dall'’ascolto.
La prima parte del disco (tracce dalla 1 alla 6) è strutturata su accattivanti ritmiche riconducibili all’'acid jazz o al groove, caratteristiche che nella seconda parte (tracce dalla 8 alla 12) lasciano il posto a strutture e sonorità acustiche jazzistiche vere e proprie. L’'anello di congiunzione, o meglio di separazione, è costituito dalla traccia 7 intitolata "“Fragile creatures"”, brano sperimentale interamente vocale di grande intensità evocativa ed ipnotica.
Il suono è caldo, corposo, dinamico e avvolgente, nonostante la quasi totale assenza del basso (a meno delle tracce 8, 10 e 12), compensato però da un eccezionale Francesco Chebat alle tastiere, al quale sono demandate sia le trame melodiche sia quelle ritmiche, ed al quale fa eco uno scintillante Francesco Marzetti alla batteria, che anche in solitaria mostra le proprie capacità tecniche.
L’'organico è completato da Martha J., oltremodo brava e versatile nei suoi vocalizzi in bilico tra il jazz classico e lo sperimentale, ma in ogni caso armoniosi ed orecchiabili.
È un album bello sotto tutti gli aspetti. È un album che può essere apprezzato solo dopo essere ascoltato per intero. Ogni traccia è un piccolo capolavoro.
Guai a fermarsi alle prime tracce. 
Troppe parole spese a descriverlo non riescono a rendere l’'idea quanto un solo ascolto.
Caldamente consigliato agli amanti del jazz e della fusion.
Nazione: Italia
Genere: Jazz, acid-jazz, groove
Anno: 2017
Etichetta: Cressidra Records 

Band
Martha J
.: Vocals 
Francesco Chebat: Piano and keyboards 
Francesco Marzetti: Drums Special guest
Giulio Corini: double bass on tracks 8, 10, 12. 

Tracklist
01. Times Are Changing
02. Yes, I'm lonely (Yer blues reloaded) 
03. We're the lucky ones 
04. Tenzin Gyatso 
05. Deviations 
06. Fate is never late 
07. Fragile creatures 
08. Another night 
09. River underground 
10. Pas de deux 
11. Autour du monde 
12. Distances

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.