Salamone
Pericoli e ballate

Nell’epoca dell’urlo, dello spintone, dell’angheria, c’è chi prova, invece, a farsi spazio con il sussurro suadente di un cantautorato di gran classe che ri-dona il gusto dell’ascolto pacato e sorprendente. Parliamo del siciliano Salamone che già col precedente “Il palliativo” aveva già dato adito a rumors lusinghieri e promettenti. Promesse mantenute anche con “Pericoli e ballate”, 10 acquarelli di città, storie, strade, personaggi, angolature di vita, brillantemente descritte con tocco delicato e talentuoso. Qui c’è la carezza narrativa della “Paris” dell’800, come l’omaggio , terribilmente attrattivo, per quel “Sor Piero” un personaggio sui generis che sapeva calamitare folle, benché bollato come uno sgangherato neuronico. Il tutto in toni soffusi e rispettosi, quasi a voler sfiorare l’indole di ognuno di noi senza essere mai soverchiante. E l’intento è pienamente centrato con una proposta che rimanda alle suadenti sonorità del passato, tra inserti di swing, blues e folk. Ci si crogiola nel gusto di assaporare echi deliziosi di Sergio Caputo in “Pericoli”, “Sandali” e “Vuoti a perdere”; quest’ultima in clima Be-pop che, a mio parere, si candida a prossimo singolo (dopo “Se non m’inganno”, squisitamente ciarliera e godibile), in quanto riesce a divertire, nonostante la drammatica tematica di migranti e barconi colabrodo.

Buon per Salamone che si è aggiudicato il premio Lauzi e la candidatura al premio Tenco, ma ce ne saremmo accorti lo stesso del suo enorme talento, genuino e cristallino, cosi evidente in “Pericoli e ballate”. Il percorso dell’album è contraddistinto,peraltro, da lodevoli variabili, come i controtempi e violini a go-go di “Nel bel mezzo dell’inverno”, marcetta in stile Bertoli o le atmosfere folk della conclusiva ballata “Anche i cani hanno orecchie”, in cui l’armonica sposta il racconto su confini west-coast, per cementare l’invito a scovare l’essenzialità salvitica nella genuinità, abbandonando superficialità ed evanescenza. Armatevi di insana ironia e di minima vocazione anti-conformista per non farvi sfuggire i segreti reconditi e i suggestivi amarcord di “Pericoli e ballate”. Un’album che zampilla di fascinosa tradizione cantautorale che, se verrà ignorato dai grandi discografici, Iddio li perdoni : non sanno cosa fanno….

 

 

Year : 2017

 

Label : Libellula

 

Genere : cantautorato, swing, folk

 

 

TRACKLIST

 

1 - Pericoli

 

2 – Se non m’inganno

 

3 – Paris

 

4 – Il violinista dagli occhi blu

 

5 – Sandali

 

6 – Nel bel mezzo dell’inganno

 

7 – Vuoti a perdere

 

8 - Sor Piero

 

9 - Terusa

 

10 - Anche i cani hanno orecchie

 

 

FORMAZIONE:

 

Vincenzo Salamone : chitarre, voci, armonica

 

Luigi Pintacuda : chitarra elettrica

 

Alessio Patamia : chitarra elettrica

 

Ivan Ragusa : batteria

 

Antonio Leta : batteria

 

Cristian Sferruzza : basso

 

Vincenzo Lo Bue : basso, contrabbasso elettrico

 

Paolo De Ceglie : tromba

 

Michele Mazzola : sax

 

Emanuele Antista : violino

 

Nicola Rocco : fisarmonica

Davide Orsi : organo

 

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.