Nadsat
Crudo

“Crudo” è sinonimo di immediatezza, come un fiore non parla ma sboccia senza preavviso generando stupore. 
In due anni di semina, nell’originale giardino dei “Nadsat”, germoglia nel 2016 “Terminus Ep”, mentre il 12 aprile 2017 nasce una pianta singolare dai denti affilati: “Crudo”.
Un disco dunque carnivoro che vive prevalentemente di istinto e tempestività. Concepito tra improvvisazioni e stage live estivi, il primo full-length del duo bolognese non si è fatto bruciare dal sole ma ha assorbito una quantità notevole di energia. Un progetto interamente strumentale che non vuole essere classificato, che non vuole apparire ma soltanto stupire, che vuole essere la colonna sonora di una giornata qualunque per trasformarla in un bel ricordo.
All’interno di una ritmica trascinante e spigolosa, Michele e Alberto intrecciano chitarra e batteria lasciando alla fantasia la libertà di comporre una sorta di tappeto magico sospinto da effetti elettronici. Il risultato è un sound viscerale e mutevole capace, nello stesso tempo, di graffiare ed accarezzare l’udito. Le influenze che hanno ispirato i “Nadsat” sono riconducibili agli italiani “Zu” ma anche a gruppi che hanno aggiunto valore alla musica moderna come “Tool”, “Swans” e “Jesus Lizard”. In un terreno di imprevedibilità, “Crudo” morde e miete vittime a suon di rumori ipnotici, tempi dispari e discordanze sonore che prendono le sembianze di un rito tribale dai toni moderni.
Nel giardino stregato si eleva l’autenticità di “Crudo” che affonda le sue radici nella fertile stravaganza dei “Nadsat”. Vietato calpestare la musica.

Anno: 2017
Label: Toten Schwan/Upupa Produzioni/Vollmer Records/Oh Dear! Records/É un brutto posto dove vivere/Koe low profile distro
Press Office: Dischi Bervisti
Genere: Noise

Tracklist:

01.Mesozoic
02.ATP
03.Novus
04.Carcharodon
05.Umhlaba
06.Sivik

Line Up:

Michele Malaguti: chitarra, dronething, RTG
Alberto Balboni: batteria, gong

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.