Rh Umornero
Eredi

Con la partecipazione al Festival di Sanremo del 2003 si incise l’epitaffio dei Negrita ; per loro rappresentò un’indubbia svolta commerciale ma, per i fans del primo periodo, un autentico tradimento. Qualcuno li ha perdonati somatizzando il cambio di direzione; altri stanno ancora aspettando che un’altra band possa ricalcare le sonorità graffianti che furono . Ebbene, la buona notizia è che dopo 14 anni l’attesa è finita. Lo affermiamo con netta convinzione, perché ora il passaggio del testimone è raccolto dai pisani RH Umornero con il terzo album “Eredi”: quasi un presagio di quanto detto. E’ uno sguardo grandangolare verso la società attuale che, spesso, tira le somme con le vetrine internettiane, lasciandoci alle spalle non poche perplessità su quanto sia stato (se c’è stato…) raccolto dalla semina delle generazioni che ci han preceduto. “Eredi” è un lavoro sanguigno e curato all’inverosimile con grintosi arrangiamenti che sanno stemperarsi con finezza quando serve e un paio di ballate : “Spiriti “ e “L’imperatrice”, ne danno una prova concreta. I refrain dei 13 pezzi hanno belle ed ariose aperture ed i temi trattati mettono in evidenza l’amore per l’umanità che si è scordata di quanto sia, di per sé perfetta, frutto dell’evoluzione di “Un milardo di anni” oppure andate su “Metalli pesanti” i cui suoni mordaci ed il cantato incisivo marcano lo scossone per svegliarci dal torpore di essere un gregge di pecoroni, che esegue pedissequamente quanto impartito dalla società e dal Web .

Ma, per ribellarsi, occorre che “Nel tuo silenzio” ci sia voglia di cercare una pace interiore per dare un senso concreto al proprio vivere, per trovarsi a proprio agio ovunque e lo fanno intendere con una traccia priva di ritornello, ma decisamente convincente con fitti tappeti chitarristici. I quattro toscani hanno esperienza da vendere e non si lascino sfuggire il minimo particolare d’abbellimento : ad esempio, rivestono “Quando avevo paranoia” di chitarroni severi e autoritari, sfiorando territori emo-core, oppure i fitti arpeggi di “1492” dedicati a Colombo ci deliziano l’orecchio ma, latente, scorre la riflessione se la scoperta dell’America sia stata propriamente un vantaggio. Invece, i brani che sfamano maggiormente i fans più incalliti dei Negrita sono : “Schiavi moderni” e “Sotto le stelle” perché certi strascichi vocali di Carlo de Toni richiamano sorprendentemente quelli di Pau , la cui rassomiglianza non fa schernire ma garba alla grande. Il singolo scelto è “Maschere”, dal fitto clima zanzariero dei riffs delle sei corde, con andazzo e grinta che pedalano su un tandem veloce ma non sciagurato. Insomma, una band che riscuote la fiducia di : Verdena, Baustelle, Marlene Kuntz e di certi… Deep Purple, per aprire i loro concerti, non è roba da poco. In più, se ormai sono di casa nei palinsesti di Virgin radio e di centinaia di altre emittenti , c’è il suo perché. “Eredi” va comprato anche ad occhi bendati perché non ci troverete la minima magagna e soprattutto perché finalmente è tornato a scorrere il puro sangue rock, col fattore RH. E già sapete che buon sangue non mente….

 

 

 

Year : 2017

 

Label : Irma records

 

Genere: Rock, post-grunge

 

 

 

TRACKLIST

 

1 - Un miliardo di anni

 

2 – Metalli pesanti

 

3 – L’equilibrio

 

4 – Spiriti

 

5 – Nel tuo silenzio

 

6 - Schiavi moderni

 

7 – Maschere

 

8 – Eredi

 

9 – Quando avevo paranoia

 

10 – L’imperatrice

 

11 - 1492

 

12 - Last Christmas (non si sentirà)

 

13 – Sotto le stelle

 

 

 

 

 

FORMAZIONE :

 

 

 

Carlo de Toni : voce, chitarra

 

Luca Guidi : batteria

 

Ettore Carloni : chitarra

 

Lorenzo Carpita : basso

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.