CRNG
Qualcosa a cui credere

Neanche un giro completo di calendario ed ecco nuovamente in scena i toscani CRNG col secondo album “Qualcosa a cui credere”, con una sterzata stilistica rispetto all’esordio. Un anno passato a raccogliere un catalogo di umori e somatizzare giudizi misti per poi insediarsi tra le altitudini dell’Abruzzo a contemplare la produzione su versanti alt-rock.

All’incirca 192 ore a smussare, levigare, forgiare il nuovo desco sonoro, molto più virile e originale del precedente e curato con maggior accortezza. Le portate cominciano con il malinconico ondulato di tastiere, misto a chitarre garbate della traccia del titolo ma, con “Terra bruciata”, c’è sùbito saggio acume per virare su terreni veloci e incalzanti dal mood accattivante: per me singolo su cui puntare. E chi li tiene più i quattro toscanacci? “Tarantola” èbrano tambureggiante che, a metà strada, ospita un’elegante chitarra acustica; il giusto intermezzo per non appesantire troppo l’insieme. Dal cassetto impolverato di un paio d’anni estraggono “Colla” , recuperata per l’occasione ed esce giustamente allo scoperto per rivelare la doppia valenza di ballata mista a trillati serrati. Il valore aggiunto della band è che hanno quell’istinto naturale di non fossilizzarsi su percorsi prestabiliti ma innestano stupori che fan sperticare lodi spontanee.

Prendete la coppia “Autunnale #1 e #2: la prima con accordi stop and go e varianti che fan bene alla particolarità del pezzo., la seconda molto più intima nel primo tratto, sebbene sfoghi anche schegge di grinta. Se non è ancora sufficiente per stupirvi, ci penserà “Senza scuse” a farvi cambiare idea, in cui la batteria picchia e stoppa ossessivamente fino a metà cammino per poi intraprendere un rettilineo fluido di fascinoso rock. Insomma, un gruppo come i CRNG che su (quasi) tutto l’itinerario ti stimola appetiti uditivi e destabilizza , con pregevole fantasia, l’attesa per il prossimo brano, significa che presto avranno senz’altro numerosi e nuovi estimatori d’imminente arrivo: è solo questione di tempo.

 

 

 

 

 

Year : 2016

 

 

 

Label : NewModelLabel / Progetto 100 band

 

 

 

Genere : rock, alt-rock

 

 

 

 

 

TRACKLIST :

 

 

 

1 – Qualcosa a cui credere

 

2 – Terra bruciata

 

3 – Tarantola

 

4 – Colla

 

5 – Scarpe rotte

 

6 – Scoraggiami

 

7 – Senza scuse

 

8 – Autunnale # 1

 

9 – Autunnale # 2

 

10-Inetto

 

11-Senza pelle

 

 

 

LINE-UP

 

 

 

Pier Paolo Giovacchini : chitarre elettriche

 

Francesco lo Torto : voce, chitarra

 

Andrea Brodi : basso, elettronica

 

Luca Patrussi : batteria

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.