Santacroce
Migras

Alessio Santacroce, poliedrico artista musicale e letterario, nonché un lodevole attivista di nobili cause umanitarie è, oltremodo, un attento e acuto osservatore delle vicende sociali. E, per denunciare le storture che affliggono il Belpaese, confeziona il primo album solista “Migras”, dopo aver passato un ventennio a pubblicarne quattro con la band che formò: La Quarta Via. Intendete, non un addio al combo ma una salubre e urgente fuga da “eremita”. Elide il nome e tiene soltanto Santacroce per presentarsi al pubblico con l’ugola tagliente e amplificatori a manetta per un granitico rock e pregevole sfumatura cantautorale all’italiana. L’anima del Nostro scalda tosto i motori con “Il gregge” , condita da chitarra grattata qua e là alla Foo Fighters, per condurre ad un sound robusto che conferma anche nella successiva “La notte della Repubblica”, con una notevole intensificazione delle sei corde elettriche. Ma l’indole di Santacroce non sempre ringhia e fibrilla ma piazza tre ballate al momento opportuna: “Clorophille”, in cui duetta con Vanessa Caracciolo, “Bianco muore” dalle tinte fascinose e la splendida “La fiaba dulcamara”, per soli arpeggi acustici di Genesisiana memoria. Ma le sirene in principio di “L’ingiusta fine delle mezze stagioni” è un chiaro segnale che l’armistizio è finito e si riparte a testa bassa col giusto piglio grintoso.

Non può passare inosservata “Mercante d’anime”, sacrosanta invettiva contro gli infami sfruttatori dei barconi e il business spudorato che ne consegue: un brano che Pierò Pelù godrebbe non poco a cantarlo. Tengo a sottolineare che Alessio, ogni volta che mette nero su bianco per confezionare un libro (è anche apprezzato scrittore) o un disco, sa valorizzare al meglio l’inchiostro che versa, evidenziando un’indole percettiva ed educatamente protestante, per risvegliare coscienze assopite. Almeno ci prova, con tanto di cuore e con le manopole dei watts al massimo e già che non ceda alle facili lusinghe del pop, ci fa intendere che è meglio stare al fronte attivamente piuttosto che starsene coi glutei incollati sul divano a inveire a vuoto. “Migras” ci rappresenta molto in quanto è un epinicio all’equità e alla giustizia sociale. Non resta che amplificare per Santacroce il volume corale del nostro : Grazie!

 

 

 

Year : 2017

 

Label : Ghost Label records

 

Genere: Rock, cantautorale

 

 

 

TRACKLIST:

 

1 – Il gregge

 

2 – La notte della repubblica

 

3 – Clorophille

 

4 – Mercante d’anime

 

5 – Normandy

 

6 – Bianco miope

 

7 – L’ingiusta fine delle mezze stagioni

 

8 – La fiaba dulcamara

 

9 – Migras

 

 

 

FORMAZIONE :

 

Alessio Santacroce : voce, chitarra

 

Vanessa Caracciolo : seconda voce

 

Alessandro (ISA) Ponzuoli : 12 corde

 

Greta Merli : : chitarra

 

Lorenzo Porciani : chitarra

 

Daniele Pistocchi : basso

 

Giulio Franceschi : batteria

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.