Daniel Gazzoli Project
Night hunter

“Self Destruction Blues” cantavano gli Hanoi Rocks nel 1982 e, mutuando quel titolo, il chitarrista e compositore Daniel Gazzoli ne ricava un’ottima song di sfrontato hard-rock tipicamente ottantiano, tassello del più ampio mosaico che risponde al nome di “Night Hunter”.

L’album risulta un’ ottima raccolta di brani diretti e coinvolgenti, sorretti dalla buona vocalità del singer Leonardo F. Giullan e dallo straripante solismo del leader.

La proposta, pur restando fedele a certi cliché della golden-age del genere, è sicuramente eterogenea, spaziando dall’hard-rock melodico ed epico della title-track, alle cangianti sonorità quasi aor di “Liar”, sino alle derive decisamente più metalliche di “Run” (uno dei migliori pezzi del lotto) e “The Beat Of My Heart”, quest’ultima territorio ideale per lo shredding furioso di Gazzoli, a volte esagerato, ma mai fuori luogo.

“Night Hunter” è un competitivo album di hard-rock tutto italiano che non fa altro che ribadire l’ottimo momento per questo genere musicale nella nostra penisola; qui, al di là di tutto, ci sono ottime canzoni con la “c” maiuscola che rimangono da subito impresse nel cervello, frutto di un buon talento compositivo che speriamo possa perdurare anche per le prossime prove del nostro.

 

2016

 

Street Symphonies Records

 

Italia

 

Genere: Hard-Rock

 

Tracklist:

Night Hunter

Forged By The Pain

Liar

Self Destruction Blues

Heartblame

Run

Prayer For An Angels

Don’t Leave Me Alone

The Beat Of My Heart

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.