The Waking Sleep Band
Form & Appearance

C’è una bella differenza tra chi cavalcava il prog negli anni ’70 e chi lo fa oggi. All’epoca, gruppi storici come King Crimson, Gentle Giant, Genesis, la nostra P.F.M., benché indiscussi precursori del genere, avevano però a disposizioni due elementi non di poco conto: la completa fiducia dei discografici e un’educata cultura musicale del pubblico. Oggigiorno, Maurizio Antognoli che è a capo della The Waking Sleep Band ha voluto perseguire, con imponente impegno, un progetto audace e, al contempo ambizioso : “Form and Appearance”, liberamente ispirato al libro “Il ritratto di Dorian Gray”. Ma, in che modo ha omaggiato Oscar Wilde? Inserendo dieci aforismi musicali di mezzo minuto tra una traccia e l’altra per non far dimenticare l’intento principale del progetto d’ispirazione letteraria. Idea buona ma , forse, fa perdere un po’ di continuità alla track-list . Musicista colto e preparato, Antognoli ha saputo dare a questo lavoro un sapore passionevolmente retrò, che troverà senz’altro il sostegno di molti intenditori e musicologi. L’album convince per la ricca miscela di generi, per l’evidente qualità esecutiva e per la varietà delle soluzioni proposte. C’è il delicato e passionale pop-rock della title-track e di “Young Gerald”, dal sapore eighties con chitarre discrete e mai sovrastanti o la morbida ballata di “An ideal husband”, con violino e percussioni al minimo sindacale ma di grande effetto.

E il prog di cui si diceva? Più o meno disseminato un po’ ovunque come base contemplativa del progetto. “The nightingale and the rose” è una delle brillanti sorprese che Maurizio ci porge su un piatto d’argento: qui le tinte assumono tonalità jazz-funky che non t’aspetti. L’altra è senz’altro la bizzarra “The selfish giant”, condita da campanellini e arrangiamento molto particolare, sospeso tra clima epico e salsa fusion. Se quest’album fosse uscito negli anni ’80 troverebbe posto in classifica “Lady Erlynne”, un pop-rock imbastito su pregevoli fraseggi piano-chitarre in contesto catchy. Il timing di “Form and Appearance” scorre a meraviglia verso il sontuoso epilogo di “Show me”, efficace rock-prog dal maestoso finale strumentale Genesisiano: due minuti in crescendo di tastiere saltellanti al galoppo. Con “Form & Appearance” Antognoli ha dimostrato che è ancora possibile mettersi in luce con un grande lavoro prog-rock, in un panorama farcito di ignoranza e declino culturale . Progetti di questo tipo vanno incoraggiati incondizionatamente, perché la musica ha bisogno di tante Waking Sleeper band moltiplicate all’ennesima potenza.

 

 

 

 

 

Year : 2016

 

Label : Riserva sonora

 

Genere : Rock-prog

 

 

 

TRACKLIST :

 

 

 

1 - Believing a dream

 

2 - Aphorism

 

3 – Form & Appearance

 

4 - Aphorism

 

5 – The nightingale & the rose

 

6 - Aphorism

 

7 – An ideal husband

 

8 - Aphorism

 

9 – The Canterville ghost

 

10 - Aphorism

 

11 – Young Gerald

 

12 - Aphorism

 

13 – The selfish giant

 

14 - Aphorism

 

15 – Lady Erlynne

 

16 - Aphorism

 

17 – The happy prince

 

18 - Aphorism

 

19 - Aphorism

 

20 – Show me

 

 

 

 

 

FORMAZIONE :

 

 

 

Herman Furin : batteria

 

Charlie Giardina : basso

 

Andrea Cervetto : chitarre

 

Maurizio Antognoli : voce e piano elettrico e synth

 

Micaela Gregorini : voce e cori

 

Serenella Di Pietro paolo : voce, cori

 

Luciano Zambito : batteria

 

Fabrizio Argenziano :basso

 

Francesco Rebora : chitarre

 

Andrea Cardinale : violino

 

Marco Fuliano : batteria

 

Nick Muneratti : basso

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.