Renzo Cantarelli
Dolos

Ci fa recuperare un bel po’ di elegante tradizione folk-rock cantautorale il quarto lavoro del carrarese Renzo Cantarelli e, al pari di “Amen” del suo illustre compaesano Gabbani, ci conduce a importanti riflessioni esistenziali, non solo sull’ umana rassegnazione ma soprattutto su solitudine, guerra, immigrazione e tanto altro. E lo ha fatto con un album in cui si avverte che i contenuti tematici e sonori sono stati elaborati e intessuti con eccellente cura che sfiora il maniacale. E l’idea viene resa brillantemente in tutte le dieci tracce di “Dolos”, e nello specifico sulle tratte aerobiche rock-folk di “Una piccola parte di te” che, a mio avviso, è uno dei candidati per un singolo insieme a “Dove sei”, semi-ballad dal refrain più accattivante ma non ruffiano, con fraseggi pianistici di gran pregio. Mentre “Riciclata esistenza” racchiude l’essenza concettuale dell’opera: ovvero, di un’etica che si è andata a farsi benedire, facendo prevalere un inquietante senso di smarrimento, per l’incapacità di sostituire i valori dispersi della vita con altri nuovi.

L’artista toscano ci conduce, con indiscutibile amenità, su territori Nomadi e annaffiatine di Modena City Ramblers e la sua voce ci sta a pennello con la cifra stilistica che si è ritagliato. In aggiunta, c’è tanta raffinatezza negli arrangiamenti con accordi stoppati di chitarra acustica in “Noi eroi”, che porta verso aperture corali e vivaci , alternandoli con quelli fascinosi dell’ elettrica di “Passo dopo passo” e “Non è aria di casa mia”, caratterizzata dall’assolo finale stiloso e trascinante. La varietà è una certezza in casa Cantarelli: non manca neppure un duetto con Brunilde Galeotti in “Si salvi chi può” , ricco di carismatici archi e piano a commentare elegantemente l’aria che regna nel brano. Sulla conclusiva “Calma apparente”, Renzo vira su sonorità che lambiscono il caraibico, con bonghi e chitarre docili che sanno ispirare intimità e intensi amarcord. Con “Dolos” Renzo ci ha consegnato una riflessione eloquente : che ne vogliamo fare della nostra esistenza ? Vogliamo continuare a lasciarla isolata e sperduta come una baita in quota oppure le ridiamo dignità riportandola a valle, per tornare alla socialità, scevra da guerra e arroganza e ritrovare quella serenità tipica dei sinceri valori di una volta? Agli ascoltatori l’ardua sentenza.

 

 

 

 

 

Year : 2016

 

Label : Riserva sonora

 

Genere : cantautorato, pop-rock, folk

 

TRACKLIST :

 

1 – Noi eroi

 

2 – Passo dopo passo

 

3 – Riciclata esistenza

 

4 – Non è aria di casa mia

 

5 – A Tonina

 

6 – Si salvi chi può

 

7 – Dove sei

 

8 – Oh mama

 

9 – Una piccola parte di te

 

10-Calma apparente

 

 

 

FORMAZIONE :

 

Emanuele Bonaccorsi : tastiere, pianoforte

 

Maurizio Cinque : batteria

 

Patrizio Calcagnini : basso

 

Nicola Guazzagni : contrabbasso

 

Alessandro Truglio : chitarre elettriche

 

Max Avallone : basso

 

Lorenzo d’Angelo : chitarre acustiche, classiche

 

Gianmaria Simon : fisarmonica

 

Brunilde Galeotti : cori

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.