I Paradisi
Dove andrai

Con appena due anni di attività, la band dei lombardi I Paradisi giungono al debutto con un album costruito con sorprendente maturità, quella che arriva di solito a chi ha già incamerato un bel pacchetto d’esperienza. Eppure, nonostante la giovane età, la band ci consegnano 10 “paradisi” sonori da far invidia a navigati combi che sono ancora alla ricerca del loro strutturale perché. “Dove andrai” non è scritto col punto interrogativo ma vuole essere, piuttosto, un punto d’osservazione, una sospensione colloquiale come dire: Dove andrai….lo sai tu. Invece, le domande serie ed esistenziali sono reperibili nello zibaldone delle liriche, strutturate in forma cantautorale con fascinose spruzzate beat sixties e seventies. Tendenzialmente, c’è una linea-guida nell’itinerario dell’album, che traccia l’asse di demarcazione sul quesito umano fino a dove riesca ad affondare la sondina interrogativa nella propria anima, per introspezioni chiarificatrici sul proprio agire ed eliminare così le scorie di pensieri disgreganti. I Paradisi hanno sempre l’asso nella manica per deliziarci con un genere coraggiosamente anacronistico: di gran lunga meglio del Rap che potevano scegliere per tendenza anagrafica e (Deo gratias!), non l’hanno fatto . Di fatto, questa band è l’eredità dei precedenti Paradisi Noir, ma han tolto il “nero” perché ora il percorso è chiaro nella testa del quartetto: nuove visioni concettuali e differenziazione stilistica: ambo vincente uscito sulla ruota di Milano. La rassegna di “Dove andrai” è capace di esporre sonorità di stampo cinematografico, come “Un brutto sogno” e “Bocca sporca” , con l’incedere aerobico alla 007 e che filano via gustose con due commenti predominanti e distinti di chitarra elettrica e tastiera, per poi unirsi in un bell’assolo strumentale.

C’è anche la lodevole ostentazione psicho-beat ’60 in “Come un vampiro” e nella galoppante “Ali di cera” , con marcate venature rock e che non concede attimi di tregua. Ottima la title-track , dalla delicata intro in terra La Crus per poi sviluppare dinamicità che stimola appetiti Nomadi. Il vocalist Cristian D’Oria ha la particolarità di sviluppare passione senza strafare e sa anche fondere il canto con la narrazione in “Siamo complici”, dal flusso tranquillo e atmosfera immaginifica. Per chiudere il discorso, si concedono lo sfizio di tributare i Doors con la cover di “Strange Days”, arrangiata con voce riverberata e leggermente in delay: tipico mood vissuto in stagione psichedelica. Onore a I Paradisi che han creduto in uno stile un po’ demodè, attualizzandolo con disinvolta bravura e dimostrando, ai benpensanti, che in questa corrente musicale, al di là della viziosa nomea di spinelli e acidi che fu, oggi ci sono band come I Paradisi che con “Dove andrai”, se ne infischiano di fumo evanescente ma puntano a concretizzare tanto buon arrosto.

 

 

 

Year : 2016

 

Label : Autoprodotto

 

Genere : Alt-rock, psichedelica, cantautorato

 

 

 

TRACKLIST:

 

 

 

1 – Un brutto sogno

 

2 – Come un vampiro

 

3 – Bugie

 

4 – Voli via

 

5 – Ali di cera

 

6 – Dove andrai

 

7 – Bocca sporca

 

8 – Siamo complici

 

9 – Lacrima

 

10-Strange days

 

 

 

FORMAZIONE :

 

 

 

Cristian d’Oria : voce, pianoforte, hammond, fender rhodes, cori

 

Henrico Pantano : Batteria, percussioni, cori

 

Valerio Paronzini : basso. Cori

 

Andrea Mottadelli :chitarre, hammond, fender rhodes, cori

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.