Nadiè
Acqua alta a Venezia

Da tempo, gira la convinzione che ormai si riscontrano rari episodi di canzoni di protesta, come se l’epoca d’oro fosse rimasta inchiodata al cantautorato anni ’70. E’ voce che, sinceramente, mi irrita non poco di fronte a lavori come questo dei Nadiè . Niente scuse signori: qui c’è una cristallina invettiva che riguarda tutta la nostra sfera esistenziale demolita dal volgare, dall’annegamento preoccupante di valori morali ed estetici. Piuttosto, prendetevela con la pigrizia dilagante che ha fatto perdere il fascino della ricerca e della scoperta, reo anche il Dio-denaro, elargito dalle major discografiche, che ha burattinato le radio manovrandole con il business dei soliti noti, affogando grandi talenti indie. “Acqua alta a Venezia” affila le lame della denuncia con tagliente lucidità e ghigno beffardo, nel tentativo (riuscito) di emergere e galleggiare a testa alta nel mare degenerativo dell’etica. Il quintetto catanese apparecchia un desco imbandito di rabbia al vetriolo, senza che le mandano a dire ma piuttosto esponendosi con aitante sicurezza senza timori di risultare anacronistici. In aggiunta, il loro indie-rock ha indubbia originalità, legata alla grande trovata di offrire lunghe tratte strumentali per evidenziare che va data voce anche a note sintomatiche che rispecchino la prerogativa ideologica. Si capisce subito l’antifona con “Conigli” e “In discoteca” con chitarra e folate di vento che partono da lontano per poi spingersi fino a fragori tipici Coldplay , con finali sontuosi. Una leggera calma sembra arrivare con “Breve esistenza di un metallaro”: iniziale giro di piano alla Lennon che conduce ad una seducente maestosità sonora, dall’indiscutibile fascino. C’è aria di tanto malessere? Certo che si ! Quindi meglio non tenersi dentro nulla e piuttosto vomitare più rabbia possibile con tracce blasfeme di “Dio è chitarrista”, decisamente il brano con vertici di grande rock.

Indizi melodici sono reperibili nella title-track, senza però smarrire la causticità di accordi e riff duellanti. La tensione, palpabile a orecchio nudo, non risparmia nemmeno la tematica del matrimonio con “Gli sposi” , benché si cerca di moderare la fuoriuscita di schiuma dalla bocca di Giovanni con sonorità Far-West , carica di redditizi ed efficaci controtempi. L’assurdità del nostro Stivale è messa in ridicolo col pungente sarcasmo di “Solo in Italia si applaude ai funerali” : e già la dice tutta sulla logica di chiudere l’opera con il de profundis comune: quello di vivere perennemente con le “Bandiere a mezz’asta”, conficcate nella nostra coscienza, grazie allo sfacelo di estetica e virtù con l’ idealismo insudiciato da sporche pozzanghere materialiste. Il tutto commentato dall’influsso serrato di severe chitarre British. Diciamola tutta: questo lavoro deve necessariamente uscire anche in vinile, cosi faremo girare il 33 giri al contrario per ricevere il messaggio. Per come ci hanno scosso e per come ci han fatto ri-aprire gli occhi c’è poco da girarci intorno: i Nadiè hanno scritto un’opera che brilla di (anni)-luce propria.

 

 

 

Year: 2017

 

Label: La Chimera Dischi/Terre sommerse

 

Genere : Indie-rock

 

 

 

TRACKLIST :

 

1 – Conigli

 

2 – In discoteca

 

3 – Solo in Italia si applaude ai funerali

 

4 – La bionda degli Abba

 

5 – Breve esistenza di un metallaro

 

6 – Dio è chitarrista

 

7 – Acqua alta a Venezia

 

8 – Gli sposi

 

9 – Fuochi

 

10- Bandiere a mezz’asta

 

11- A modo mio

 

 

 

FORMAZIONE:

 

 

 

Giovanni Scuderi : voce,chitarra, testi

 

Giampiero Leone : basso

 

Alfio Musumeci : batteria

 

Francesco Gueli : chitarra

 

Vincenzo Battaglia : tastiere

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.