Antonio Firmani
La galleria del vento

Da quando esiste il sonoro, il cinema è ricorso necessariamente alla musica per commentare i suoi film con una soundtrack. Ma può succedere anche il contrario:che un artista si ispiri per un intero album al mondo della celluloide. Tutto ciò si capta in "La galleria del vento" , debutto come solista di Antonio Firmani. Due anni prima pubblicò in inglese, con la sua band(the 4th Rows) "We say good-bye, we always stay". Ora, l'artista napoletano sorprende non poco per l'eclettica rarefazione stilistica dei brani, sospesi tra sogno e disillusione, in particolare quella amorosa al passaggio dei trent'anni e che, in qualche modo, sancisce l'entrata nel mondo adulto. Firmani decide di aprire con un suggestivo strumentale, costruito su appoggio calmo che poi, d'improvviso, esplode sontuosamente alla Coldplay. Dal titolo del disco in poi entranoin scena i due personaggi che animeranno, nel bene e nel male, le vicende dell'album: Mario ed Alice, simboli di una generazione a cui è mancato il passaggio intermedio tra adolescenza e fase adulta. E questo rimpianto si riscontra in vari passaggi, con musica forse eccessivamente malinconica, ma con il preciso intento di rendere chiaro il più possibile il mood che alligna nelle tracce, senza fraintendimenti o interpretazioni alternative. Magari, chi è vicino agli "enta" potrà pure obiettare di non sentirsi per nulla addosso la sgradevole sensazione di diventare grande ma di vivere la fase adulta con maggior coerenza e filosofia. Sta di fatto che nessuno può fermare il tempo: semmai, diventare un suo buon alleato, questo si e nulla più. Antonio sussurra le sue nove istantanee con sana leggerezza e tecnica adeguata, non straripando mai ma piuttosto si traveste da fiume Carsico che, a tratti scompare, per poi riaffiorare più in là. "La galleria del vento", "Mario e Alice principianti" e "Pacey Witter" sono episodi splendidi che farebbero gola ai Kings of Convenience.

Mentre "Semplice" si evidenzia per la lunga e amena coda strumentale ai confini del jazz. Alla vigilia Firmani temeva il cimentarsi con l'idioma nazionale ma ora i suoi dubbi li ha dissipati con sicurezza, creando un'opera palesemente malinconica che però fa ritrovare l'obiettività a coloro che credono d'essere eterni giovincelli con poca voglia di crescere. Per salvarci da tutto ciò si può sempre ricorrere all'amore che, sebbene possa potenzialmente finire, può resistere anche all'usura del tempo, poichè i suoi segnali continuano a pulsare in noi anche se l'abbiamo dati già per morti. Sappiamo che la galleria del vento è un test di prova per valutare la resistenza di un corpo qualsiasi alla furia dell'aria.

Il cantautore partenopeo ci piazza la coppia amorosa perchè convinto (come noi) che quella solida non sarà spazzata via neanche dall'elica più grande del mondo.

 

 

 

Year : 2016

Label: Autoprodotto

Genere : Cantautorale pop-rock

 

TRACKLIST:

 

1 - Le candeline dei trent'anni

2 - La galleria del vento

3 - Mario e Alice, principianti

4 - Semplice

5 - Gli ultraventenni

6 - Il professore

7 - Pacey Witter

8 - Interno - notte

9 - Una casa felice, è stata una casa felice

 

FORMAZIONE:

 

Antonio Firmani : Voce, piano, rhodes, Organ, toys

Francesco Giuliano : back vocals, bass guitar, electric guitar

Vincenzo Corbingi : acoustic guitar

Fabio Renzullo : trumpet

Marco Pescosolido : cello

Nico Giordano : viola, violino

Luigi Fabozzi : drums

 

 

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.