Nadàr Solo
Semplice

Stampa

Ha un caratterino tutto pepe e zucchero questo quinto album dei torinesi  Nadar Solo “Semplice” ( che tale lo è solo in parte),  in quanto la band l’ha cresciuto cullandolo nell’isolamento della produzione e viziandolo non poco, con ricche attenzioni e sfumature esclusive, tipiche di quei genitori intelligenti che ci tengono molto alla singolarità del loro pargolo ma senza l’affanno di piacere a tutti i costi.

E l’indole di questo lavoro è chiara e lapalissiana: ti devi beccare la moina come lo schiaffo,  il piacere come lo sberleffo, senza alibi e scusanti: si accetta e basta, con la fiducia che dietro all’argento vivo caratteriale fomenta un cuore d’oro, che ti ripaga delle sfuriate passeggere con ammiccamenti  e carezze.  Molto di questo simboleggia “Semplice”, che apre proprio con l’omonima traccia, con un bel duello tra chitarra e batteria e fila via con una sua precisa individualità, con dichiarato  gesto scaramantico da compiere in zona bassa.  Rituale  necessario per distanziare i gufi che, semmai, dovessero aggrapparsi sui rami dei brani per deturparli,  verrebbero presto scalzati dai riff punk e dalle grintose parentesi in stile Biffy Clyro di “Diamanti” o di “Week-end” . E il vocalist Matteo è molto abile nel seguire con le parole la dinamicità ritmica. Con “Cattivi pensieri” e “Week-end” si corre il rischio della delusione, perché partono con un andamento alquanto asettico ma poi I Nadar Solo affinano la malizia  e gli sanno dare  aperture ariose nei passaggi che contano.  Trasformisti quanto basta,  la band ti estrae l’inno dell’album con fantasiosa miscela di genuino rock misto ad accattivante pop, con tanto di svisate della sei corde per abbellire il quadro.  Benchè  “Il coltello”  non desti grande interesse, ma comprendiamo che si aveva voglia di una blanda parentesi intimistica, ecco che ritornano in vetta con “Da un altro pianeta”, sicuramente il pezzo con l’arrangiamento migliore, che fa volare pedissequamente su  lande sognanti,  con pentagramma  convincente e appassionato.  Esausti ma felici, si tuffano nell’oasi delicata di “A modo mio”: giusto un paio di minuti per ricaricare le pile e proiettarsi sul sesto lavoro che verrà.   I Nadar Solo ci dicono che questo è un disco che non ha paura di avere paura di fare cattiva figura?  Giusto !

 

Formazione:
Matteo De Simone: voce, basso, testi
Federico Puttili: chitarre, produzione
Andrea Dissimile: batteria

Tracklist:
01. Marco
02. Aprile
03. Diamanti
04. Cattivi pensieri
05. Semplice
06. Il coltello
07. Il nostro ritorno
08. Weekend
09. Icaro
10. da un altro pianeta
11. A modo mio

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.