Requiem For Paola P.
Sangue Del Tuo Sangue

Basta tenerlo fra le mani, osservare la copertina e l’artwork all’interno per rimanere affascinati dal nuovo lavoro dei “Requiem For Paola P.”.
Uno scorcio onirico in bianco e nero riempito di sguardi e disperazione su cui volteggiano due angeli intenti ad annunciare, a suon di trombe, l’avvento di una catastrofe sullo sfondo. Questo è il volto di “Sangue Del Tuo Sangue”: il nuovo album della band bergamasca esce a distanza di sei anni da “Tutti Appesi” sfoggiando un carattere estroso ed esplosivo dipinto sulle tele toccanti e poetiche dei dieci brani.
Il disco si veste di drammaticità sonora immersa in un’ampolla dove ribollono urla di rabbia e riecheggiano chitarre violente. Una musica dal furioso impatto emotivo riversata nei testi ermetici che trasudano nervosismo impigliato nella ragnatela della commozione. I “Requiem For Paola P.” giocano con sonorità alternative-rock inquinate da un virulento post-hardcore che domina l’anima scaraventandola in un limbo di piacere dove i pensieri si sgretolano su ritmi rapidi e compulsivi.
Merita un apprezzamento particolare la sognante “Tutti questi piccoli cavalli” che si discosta dal sound aggressivo delle altre tracce: una ballata farcita dal tiepido suono delle trombe che ricamano un’atmosfera sudamericana su un tappeto di parole dal gusto insipido di rimpianti.
“Sangue Del Tuo Sangue” è un ottimo disco dove ritornelli e tormentoni vengono lasciati morire nel buio della mediocrità a favore di un lavoro più viscerale in cui le emozioni non bruciano in una scintilla ma ardono lentamente alimentate da pura e delirante passione.

Anno: 2016
Label: Nulla Officine Discografiche/Imbecillity Kills
Genere: Alternative Rock

Tracklist:

01. Del Nostro Parlare Moderno
02. Un’Ora D’Armi
03. I Rami Oltre
04. Masticando Nebbia
05. Tutti Questi Piccoli Cavalli
06. Nulla Va Lasciato (Tra I Denti)
07. Alluvioni Cambiò
08. Il Tuo Pasto Notturno
09. Nel Gorgo, Muti
10. La Coda Delle Nove

Formazione:

Andrea Pezzotta: voce, chitarra
Gian Paolo Improta: voce, chitarra, synth
Federico Pagnoni: basso
Andrea Ardigò: batteria

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.