Osaka Flu
KM 183

L’autostrada Salerno-Reggio Calabria è un interminabile percorso italiano che racchiude un’infinità di viaggi con annesse storie di ogni tipo.
Una di queste nasce proprio al “Km 183” quando il furgone degli “Osaka Flu” si ferma per un guasto e li lascia a piedi durante il loro tour. Un inconveniente che getta le basi del secondo disco della band toscana dal carattere chiaramente punk rock.
L’album, pubblicato da “Soffici Dischi” e prodotto grazie al contributo del concorso “Toscana 100 Band”, si compone di dieci brani che scavano sulla superficie di un paese schiavo della globalizzazione, scolorito da soprusi ed egoismo. Una ricerca minuziosa nei meandri più bui della società: la terribile malattia dell’apparire, l’arido mondo del lavoro, la mancanza di responsabilità nei giovani d’oggi, l’avida corsa al potere che non lascia scampo ai più deboli.
Il trio aretino racconta tutto questo con sarcasmo ma anche con la rabbia di un giovane che vede una società accecata dal consumismo e trainata dall’ignoranza schiantarsi verso vizi e false ideologie.
Con un sound spensierato e coinvolgente dalle venature rock in cui scorre un frizzante garage, gli “Osaka Flu” provano a suonare la sveglia su questo mondo addormentato che stenta a reagire. Non resta che alzarsi e saltare.

Anno: 2016
Label: Soffici Dischi/Audioglobe
Genere: Rock, Garage, Punk

Tracklist:

01. Apocalhipster
02. Camden
03. Cappello Firmato Vintage A Righe Blu
04. La Sindrome Del Giovane Holden
05. Mentre Eri “In Viaggio”
06. Casa Lavoro e Minivan
07. Propaganda
08. Non è Colpa Del Maltempo
09. L’estate Del ’96
10. Molly

Formazione:

Danny
Cecco
Miki

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.