Giovanni Alibrandi e Francesco Lipari
Obscure Gleams

Grande rigore nella sperimentazione di questi due compositori siciliani, Giovanni Alibrandi e Francesco Lipari. “Obscure Gleams” contiene sei brani, tre per ognuno dei due artisti che vanno dall’ambient elettroacustica alla musica concreta.

I bagliori oscuri che danno il titolo all’album si ricollegano all’atmosfera ombrosa e introspettiva che permea i brani del disco. I due compositori fanno uso di molteplici tecniche di manipolazione del suono, dalla registrazione e il reimpiego di suoni d’ambiente alla sintesi, fino all’uso di strumenti della tradizione classica, partendo da una consapevolezza e da un’ estrema competenza d’uso della materia sonora.
I due autori sono infatti entrambi di provenienza accademica, Giovanni Alibrandi, violinista, ha al suo attivo varie produzioni di musica elettronica e di musica classica mentre Francesco Lipari, percussionista , è stato allievo del compositore milanese Alessandro Solbiati e ha anch’egli un notevole bagaglio concertistico e di produzioni.

Grande rigore nella sperimentazione di questi due compositori siciliani, Giovanni Alibrandi e Francesco Lipari. “Obscure Gleams” contiene sei brani, tre per ognuno dei due artisti che vanno dall’ambient elettroacustica alla musica concreta.
I bagliori oscuri che danno il titolo all’album si ricollegano all’atmosfera ombrosa e introspettiva che permea i brani del disco. I due compositori fanno uso di molteplici tecniche di manipolazione del suono, dalla registrazione e il reimpiego di suoni d’ambiente alla sintesi, fino all’uso di strumenti della tradizione classica, partendo da una consapevolezza e da un’ estrema competenza d’uso della materia sonora.

I due autori sono infatti entrambi di provenienza accademica, Giovanni Alibrandi, violinista, ha al suo attivo varie produzioni di musica elettronica e di musica classica mentre Francesco Lipari, percussionista , è stato allievo del compositore milanese Alessandro Solbiati e ha anch’egli un notevole bagaglio concertistico e di produzioni.
“Obscure Gleams” non è quindi un semplice disco di ambient o drone music, ma sintetizza esperienze sonore provenienti dalla musica contemporanea e dalla sperimentazione di matrice accademica con la nuova musica elettronica di provenienza popular (come i lavori di Fennesz o Alva Noto).
Un disco che fa riferimento anche a tematiche politico- sociali che vanno dalla rivolta di Teheran del 2009 all’assedio israeliano di Gaza del 2008. Un lavoro ben riuscito, di notevole qualità formale e che rivela lo spessore artistico dei due autori.

 

Label: Diaphonia
Data: 2015

Tracklist:
01. Sententia
02. Collage
03. Teheran
04. Trenodia delle vittime innocenti
05. Black Carpet
06. Terra battuta

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.