Carlo Gizzi
Improvvisazioni su temi di Bach, Mozart e Pink Floyd

Di reinterpretazioni dei Pink Floyd ne esistono a bizzeffe, da quelle solo strumentali a quelle orchestrali, passando per quelle estemporanee, limitate ad una sola traccia, fino ai remake di interi album.

Tuttavia, di rivisitazioni jazz per solo piano, forse, non ne esistono affatto. Quella di Carlo Gizzi appartiene a quest’ultima categoria anche se l’anomalo affiancamento di brani prog rock dei Floyd con quelli classici di Mozart e Bach lascia piuttosto interdetti, se non altro prima dell’ascolto.

Il motivo di questa perplessità è dovuto al contrasto di generi che poco hanno da spartire tra loro. Perplessità, però, che viene subito fugata dopo l'assimilazione dell'opera: si scopre che le musiche originarie sono solo lo spunto di partenza per una serie di esternazioni jazzistiche di libera ispirazione. 
Mi sembra evidente, quindi, che il pianista sia un musicofilo a tutto tondo, il quale, intrapresa una carriera jazzistica, ha voluto omaggiare con le sue capacità coloro che hanno, in un modo o nell’altro, contribuito alla sua formazione musicale.
La stessa chiave di lettura va pertanto adottata nell’ascoltare questa incisione, un disco jazz tout court nel quale l’artista dialoga con il suo strumento, facendosi guidare da quelle che sono le reminiscenze della propria cultura musicale.

Riguardo, poi, alle dichiarate fonti di ispirazione, va detto che a volte si fa addirittura fatica a riconoscerne l’origine tanta è la rielaborazione, evidente per lo più solo nei temi portanti, che poi vengono abbandonati per le proprie esplorazioni melodiche, fortunatamente per niente astruse o incoerenti, dalle quali emergono le doti del pianista, le cui esecuzioni sono dotate di buona scorrevolezza e di eccellente orecchiabilità.

L’album non fa quindi testo se ci si aspetta l’ennesima esaltazione delle atmosfere floydiane (nel caso specifico di “Dark side of the moon”) o delle elaborate composizioni bachiane o mozartiane, ma ha una sua valenza se si è alla ricerca di una musica di qualità, riflessiva, sobria ed intimista da adoperare come sottofondo rilassante o di accompagnamento per qualche tranquilla serata invernale.

Nazione: Italia
Etichetta: TerreSommerse
Genere: Jazz

Piano: Carlo Gizzi

Tracklist:

Improvvisazioni su temi dei Pink Floyd
01. Breathe
02. Money
03. Us and them
04. Time
05. Intro on "The grat gig in the sky"
06. Fuga on "The grat gig in the sky"
07. Brian damage
08. Blossom Time

Improvvisazioni su temi di Bach
09a. Toccata e fuga in re min
09b. Preludio I in do mag
09c. Fuga II in do min
09d. Preludio II in do min

Improvvisazioni su temi di Mozart*
10a. Sonata k 545
10b. "Ah, je dirai-vous maman"
10c. "Children's pla song" of Bill Evans

*Live at Castello Savelli, Palombara Sabina

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.