Cato
African Boys

Al di là dei gusti musicali di ognuno, come si fa a non voler bene a Cato? Un artista che, armato di chitarra, macina migliaia di chilometri da Occidente a Oriente per raccogliere fondi a favore di associazioni umanitarie e sanitarie.

Un personaggio che, da svariati anni, è sul fronte dell’impegno sulla questione immigrazione collaborando, senza risparmiarsi, con la Ruah, cooperativa d’accoglienza attiva da 25 anni in un paese del bergamasco. Ed è proprio con il raggiungimento di questo traguardo, che Roberto Picinali, alias Cato, coglie l’occasione per dare alle stampe “+Love - Stress”, una raccolta che sprizza solarità in ogni nota, a cominciare dall’iniziale “African Boys”, dal sapore tipicamente roots-reggae.

Il relativo video dà una chiara visione di come si possa trasmettere un forte messaggio di speranza e di accoglienza verso coloro che sono stati costretti a darsela a gambe da contesti caotici e di guerra. Purtroppo è un tema di perenne attualità ma Roberto evita con estrema cautela di alimentare pietismo e retorica. Piuttosto, catalizza l’attenzione invitandoci a non farci abbattere dalle difficoltà del quotidiano perché, in ogni caso, vale la pena onorare sempre e comunque la vita.
Stesso brio stilistico è presente sia in “La-Up”, sia in “Everyday fuckin’ robots”, bell’esempio di come si possa mescolare funky e reggae, per dar vita ad un brano (quasi) strumentale di gran pregio.

Per questo album Cato è riuscito a coinvolgere una ventina di grandi musicisti e la qualità si sente disseminata nei 10 brani. In verità sarebbero 11 ma il conclusivo “Steppa infinita” è più che altro una bizzarria, con risate e frasi recitate in italiano maccheronico e riprende il tema musicale di “Bambole”, con fisarmonica e piffero in stile peruviano.
Il resto della track-list è piacevolmente intriso di rock-pop e folk e nessuno può lamentare noia.
Nonostante il fitto ottimismo che anima Roberto, in “Tranquillo” si lascia andare al comprensibile sfogo contro coloro che sparlano continuamente di lui. Della serie: come fai, fai male.

Ma Cato ha forza e grinta per ignorare le maldicenze e continuerà a non fare distinzioni tra bianchi e neri, in quanto il suo cuore pulsa e vede a colori.

 

LABEL : Autoproduzione / Macramè ufficio stampa
Year : 2016
Genere: Rock-Pop, folk, surf

 

TRACKLIST
01 - African Boys
02 - Respirando il sole
03 - Brucerò
04 - Senza fretta
05 - La-Up
06 - Bluesy
07 - Bambole
08 - Tranquillo
09 - Corri nel vento
10 - Everyday fuckin' robots
11 - Steppa infinita

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.