Astronautalis
Cut The Body Loose

Hip-pop roccioso e deciso quello proposto dall’americano “Astronautalis” che incrementa la propria discografia col quinto lavoro chiamato “Cut The Body Loose”. 
Un album imbottito da molteplici sonorità come elettronica, indie e rock: una miscela esplosiva accesa da un ritmo coinvolgente dettato da una raffica di rime che, come una frana improvvisa, piombano sui timpani dell’ascoltatore.
Undici brani che piaceranno sicuramente agli amanti dell’hip-pop ma che sfondano anche gli accessi delle menti più ostiche ad accogliere un certo tipo di genere musicale grazie al carattere camaleontico radicato al loro interno.
Un disco dai colori vivi sui quali volteggiano, come insetti incontrollabili, suoni creativi generati da trombe ben orchestrate, da un pianoforte dalle tinte blues, da atmosfere spesse e cupe, da uno scintillante swing, ma soprattutto da basi elettroniche davvero trascinanti.
“Cut The Body Loose” è un ottimo album che mi sento di promuovere a pieni voti pur non essendo un appassionato del genere. Ciò che colpisce è la facilità di ascolto che possiede il disco, capace di trasmettere positività, buon umore ed una buona dose di energia.
“Astronautalis” (Charles Andrew Bothwell) ha acceso i motori, non siate timidi, salite a bordo ed intraprendete questo viaggio galattico: sarà una corsa sonora che vi stupirà.

Anno: 2016
Label: Side One Dummy Records/Cargo Records
Distribuzione: Goodfellas
Genere: Hip-Pop/Rap/Alternative

Tracklist:

01. Kurt Cobain
02. 1515 Washington
03. Running Away From God
04. Kudzu
05. Guard The Flame
06. In The Tall Grass
07. Attila Ambrus
08. Forest Fire
09. Cut The Body Loose
10. Sike!
11. Boiled Peanuts

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.