NoN
Sancta Sanctorum

Album denso e scuro come la pece, ma nello stesso tempo caldo ed affascinante come un fiume di lava che lentamente divora e conquista ciò che incontra davanti a sé: questo è “Sancta Sanctorum”, il secondo capitolo dei “NoN”. 
Il trio toscano rinchiude sonorità dark-wave di fine anni ottanta nel vagone buio di un treno dall’ignota destinazione che viene spinto sui binari di un inconscio annegato in diversi stati d’animo che naufragano sulle spiagge della paura.
Le atmosfere cupe che aleggiano in tutto il disco ed i ritmi morbidi ed incalzanti creano un habitat ideale dove poter liberare la propria ombra che varca timidamente ed in punta di piedi il fosco ingresso di “Sancta Sanctorum” per poi abbandonarsi ad una danza sensuale che si intreccia a note malinconiche.
L’album, curato nei minimi dettagli, necessita di diversi ascolti per essere assimilato e poter quindi apprezzare il minuzioso lavoro che c’è dietro ad un sound così attraente. La musica nasce non soltanto da strumenti convenzionali ma anche da rumori creati con attrezzi da ferramenta che si sovrappongono a suoni classici di timpani, campane ed al violoncello di Alice Chiari.
Il disco pulsa di emozioni che illuminano il testo di “Bukowski piange” tratto dal libro “Storie di ordinaria follia”, accendono una fiamma sulla cover del Trio Lescano “Come L’ombra”, e pungono l’anima in “Sostanza”. Quest'ultimo brano è valorizzato dal duetto vocale con Luca Barachetti (Bancale, Barachetti/Ruggeri) che ne scrive anche il testo.
“Sancta Sanctorum” si chiude con “La paura”: una marea che cresce lentamente sommergendo l’ascoltatore nelle profondità oscure e recondite di un album che va vissuto ad occhi chiusi assaporandone l’intima essenza.

Anno:2016
Label: I Dischi del Minollo/Garage Records
Distribuito da: Goodfellas/Believe Digital 
Genere: New-Wave, Post-Rock

Tracklist:

01. Sancta Sanctorum
02. Bukowski piange
03. Tutto il mondo sotto un sasso
04. così felice
05. La tela del ragno
06. Come l'ombra
07. Ancora resto
08. Sostanza
09. Reti e pareti
10. La paura

Formazione:

Andrea Zingoni: voce, chitarre, pianoforte, organo
Alvaro Buzzegoli: batteria, percussioni, tamburi
Massimiliano Leggieri: basso, synth

Ospiti:

Alice Chiari violoncello in “Tutto il mondo sotto un sasso”, “Come l’ombra”, “Reti e pareti”
Leo Magnolfi chitarra aggiunta in “La paura”, effetti in “Come l’ombra”
Luca Barachetti voce in “Sostanza”

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.