Anudo
Zeen

Disco d’esordio per gli Anudo, trio di Cuneo, con ambizioni internazionali, masterizzato ai Mertropolis Studios di Londra da John Davis. “Zeen” è un album che fa un amplio uso di suoni elettronici, ma che viene promosso utilizzando un equivoco che sembra essere diventato ricorrente, ovvero: l’uso di strumenti elettronici, campioni o di idee prelevate dalla dance non fa di un disco pop un lavoro di musica elettronica.

Quello degli Anudo è a tutti gli effetti un disco pop-rock che , sull’onda delle tendenze contemporanee, fa un uso amplio e anche competente di sintetizzatori e computer, ma che nulla ha a che vedere con quella che oggi è la “musica elettronica”. Ci sarebbe da scrivere molto di più per districarsi su questo tema, ma sembra che la confusione sia imperante e alimentata anche da una promozione spregiudicata e da una stampa non sempre attenta.

“Zeen” è infatti incentrato su una serie di canzoni, anche di discreta scrittura, che si collocano totalmente all’interno di un certo pop-rock, con una vocalità ammiccante a vari prodotti da classifica anglosassoni e talvolta anche al synth-pop anni 80. Un prodotto commerciale, confezionato bene che ha buone possibilità di farsi notare.


Label: Martelabel

 

Line Up:

Giacomo Oro – Voce / Elecronics / Percussioni / Chitarra

Daniele Sciolla – Voce /Electronics / Percussioni / Synth

Federico Chiapello – Voce / Electronics / Percussioni / Basso

 

TRACKLIST

1.Forest (Everytime)

2.That’s

3.Just

4.All we are

5.Deep

6.Lovers

7.Nit

8.Ken

9.Fools

10.Dressing

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.