Waste Pipes
Fake Mistake

Dopo alcuni singoli e tanta gavetta sui palchi di tutta Europa, i Waste Pipes provano finalmente a proporsi con una incisione di più ampio respiro, sebbene la durata sia comunque molto contenuta. Appena 31 minuti infatti per nove tracce, veloci e d’impatto associabili per lo più a quelle che sono le nuove tendenze alternative rock made in USA.
Album comunque senza pretese avanguardistiche fatto di riff ben impostati e ritornelli orecchiabili, lontanamente associabili, anche per sonorità e tecnica vocale, ad alcune produzioni degli Offspring.
Ottimo il livello produttivo ad opera della Atomic Stuff, sia riguardo il supporto fisico, sia per la qualità della incisione, a cura della Macello Recording Studio.
Un album quindi da scorrere tutto d’un fiato, dal quale non ci si deve aspettare troppo ma, allo stesso tempo, ideale per regalarsi mezz'ora di sfogo ed evasione a tutto volume.

Marco Lavagno (Lava): basso
Andrea Boeti (Boe): batteria
Fabrizio Guarrasi (Guarro): chitarra
Luca Chinaglia (Kina): chitarra
Christian Demichelis (Chris): voce

Tracklist:
01. Headstrong
02. Fire Below
03. Stay the Night
04. The Loser Song
05. Chaos
06. For All the Time We Waste
07. Not Enough
08. Little Devils Scratched My Ears
09. Bad Growing

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.