Miss Mog
Federer

Il nuovo e primo album dei “Miss Mog” prende il nome dal celebre tennista che attualmente occupa il terzo posto del racing mondiale ATP. 
“Federer”, a detta del trio veneto ma non solo, è uno dei pochi miti dei giorni nostri, un atleta quasi imbattibile che in molti hanno sognato di battere.
Dall’ambizione di superare sfide impossibili nasce l’ispirazione del disco che, uscito il 15 aprile per “Dischi Soviet Studio”, si compone di undici tracce dai colori accesi di un electro pop spigoloso.
“Federer” denota una certa leggerezza all’ascolto, un lavoro ironico ma che sa essere anche pungente, malinconico e nello stesso tempo giocoso. Tastiere e sintetizzatori si intrecciano in un sound piuttosto minimale che non sempre riesce ad essere trascinante ed imprimersi nella memoria.
I ritmi, dal carattere moderato in cui scarseggiano accelerazioni e dinamicità, sono il sottofondo della quotidianità cantata in ogni brano che i “Miss Mog” trasformano in una realtà sintetica e danzante dalle sfumature vintage.
Complessivamente “Federer” rimane poco incisivo durante l’ascolto, sembra un auto in moto pronta a partire per un lungo viaggio ma che alla fine gira e rigira in un’area di sosta affollata. Una maggiore inventiva alzerà sicuramente la sbarra del dannato parcheggio in cui i “Miss Mog” non meritano di restare.

Anno: 2016
Label: Dischi Soviet Studio
Genere: Elettronica, Pop

Tracklist:

01. Un Pomeriggio
02. Venety Fair
03. Pangea
04. Faust
05. Federer
06. Panchine Divelte
07. Complesso B
08. L’Alibi
09. Meteoritmo
10. Razorology
11. Sulle Punte

Formazione:

Enrico: voce
Tommy: basso
Grace: tastiere, synth

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.