Superbox
Due (Electro Hard Quore)

Immaginate di avere fra le mani uno scrigno simile a quei vecchi carillon al cui interno, una volta aperti, roteava una piccola ballerina.
Ora mettete da parte la melodia e la danzatrice perché dentro questo cofanetto troverete un mondo immaginario privo di coordinate ma ricco di riferimenti sonori alquanto singolari.
Gli artefici del marchingegno misterioso sono i “Superbox”: trio romano che possiede una notevole inventiva musicale, giunto alla seconda raccolta intitolata appunto “Due (Electro Hard Quore)”. Il disco, successore del precedente “Uno”, è composto da otto tracce prive di un filo conduttore. Registrati tra il 2014 e 2015, i brani sono cronologicamente ordinati dal più recente al più datato e danno vita ad un progetto ambizioso e ben costruito che stupisce per la sua varietà di stile.
“Due” è un mix innovativo di musica perlopiù elettronica a cui vanno aggiunte numerose influenze e sperimentazioni sonore che percorrono un viaggio attraverso culture differenti. L’ipnotica “Paradosso” fa da apripista a brani frenetici e coinvolgenti come “Alieni” e “Diciannove”. Il rock non manca ed il pezzo “ONU” stupisce per l’irrefrenabile ritmo compulsivo della batteria.
I suoni orientaleggianti di “Matto” si contrappongono all’organo di “Pescanoce” che riconduce vagamente alle folli composizioni degli “Emerson Lake & Palmer”.
I testi si colorano di fantasia, di allucinazioni e visioni profonde, sporcandosi poi nel buio della xenofobia, degli errori di comunicazione, del disagio e dell’antagonismo.
I “Superbox” confezionano un lavoro ricercato e molto interessante, pronto a meravigliare l’ascoltatore che viene travolto e stregato da questa favolosa esperienza sensoriale nascosta all’interno dell’enigmatico scrigno.

Anno: 2016
Label: Diavoletto Label/Believe Digital
Genere: Elettronica, New.Wave, Sperimentale

Tracklist:

01. 13. Paradosso
02. 12. Matto
03. 11. Alieni
04. 10. Diciannove
05. 09. Pescanoce
06. 08. ONU
07. 07. Delle bestie
08. 06. Mammuth

Formazione:

Lorenzo Lemme: Batteria e Voce
Giuseppe Maulucci: Basso - Synth - Voce
Giorgio Rampone: Basso - Synth - Voce

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.