Dropshard
Silk

Formazione lombarda, nata nel 2007 con alle spalle due EP e un album del 2011 intitolato “Anywhere but Home”, i Dropshard tornano nel 2014 con un nuovo lavoro in studio intitolato Silk.
Incisione rock-prog che risente delle influenze degli anni ’70, questa produzione dalle sonorità velatamente morbide conferma la maturità raggiunta dalla band che si esprime ad eccellenti livelli sotto tutti i punti di vista, in particolar modo quello strumentale.
Ottimamente articolate sono le strutture dei brani, i cui testi sono esclusivamente in inglese a fronte di una line-up tutta italiana, tra i quali trovano posto anche tre tracce di più ampio respiro, arricchite da alcuni passaggi di pregevole fattura, degne delle migliori attuali tendenze metal-prog internazionali.
L’unico aspetto a mio avviso migliorabile, ma comunque di buon livello, è rappresentato dal cantato, in alcuni casi forse eccessivamente lamentoso e poco concreto.
A parte questo piccolo neo, l’album è meritevole di essere citato tra le migliori proposte prog attualmente in circolazione e senza alcun dubbio degno di essere paragonato a quelle di band del calibro dei Pain of Salvation, Wolverine, Porcupine Tree o Riverside.
Di buon livello è anche la qualità audio, le cui sonorità non hanno nulla da invidiare alle produzioni più blasonate del settore, così come gli art-work del package.
Un must per gli appassionati del settore che, chissà se volutamente o a caso, potranno acquistare il cd ed archiviarlo nella propria discoteca sullo stesso scaffale al fianco di quelli dei Dream Theater.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.