La Base
Antropoparco

Antropoparco” è l’esordio della band abruzzese “La Base” che convince subito sotto l’aspetto sonoro, un po’ meno su quello del coinvolgimento.
Le doti tecniche del trio non si discutono. Mirko, Antonio e Francesco compongono un album che accoglie a braccia aperte sonorità rock in cui a padroneggiare è il suono delle chitarre: protagoniste assolute di ogni pezzo. Basso e batteria seguono, come cani affamati, i percorsi tracciati dalle sei corde interagendo diligentemente.
A risultare meno trascinante è la voce che, nonostante la tecnica, spesso sembra sconfinare in interpretazioni forzate con l’uso di parolacce che, in alcuni contesti, assumono una forma piuttosto infantile, una sorta di ribellione costruita a tavolino.
Il disco, comunque, rimane un buon prodotto a cui bisogna però aggiungere una ricca dose di originalità che, a sprazzi, illumina alcune tracce come nel caso di “Primavera”, “Deja vù” e “Mai Una Gioia” ma, confrontata ai quarantasei minuti totali di ascolto, risulta essere alquanto carente.
Rifacendosi al nome della band, questa è “la base” da cui far partire un nuovo progetto che, grazie a determinazione e maturità, riceverà un meritato ed ampio consenso in un futuro non troppo lontano.
Arrendersi mai.

Tracklist:

01. Come Pietra Di Calcare
02. Caos X
03. Primavera
04. Dejavù
05. Il Martello
06. Mai Una Gioia
07. Un Nuovo Disordine
08. Il Rettile
09. Alprazolam

Formazione:

Mirko Lucidoni: voce, chitarre
Antonio Campanella: basso
Francesco Amadio: batteria

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.