Pasquale Innarella Jazz Quartet (feat. Beppe Caruso)
L'uomo Del 300 Gilera

Articolo originariamente apparso sul N° 37 (116/117) Luglio/Agosto 2008 di Musikbox (rivista di cultura musicale e guida ragionata al collezionismo), qui pubblicato per gentile concessione dell'autore.

Figura di assoluto pregio nella scena romana d'avanguardia, Pasquale Innarella è un sassofonista cresciuto all'ombra del free jazz più viscerale, che vanta anche trascorsi nella tradizione bandistica, da lui mai rinnegata. Della sua produzione, va certamente ricordato “Music Of The Angels” - in trio con Roberto Bellatalla e Michele Rabbia - splendido album che ospitava anche John Tchicai.
L'ultimo suo progetto, dal curioso titolo “L 'uomo del 300 Gilera”, offre uno spaccato del tardo hard bop e rappresenta un genuino omaggio a trombettisti quali Rudd a Moncur (citati con mirabile competenza dall'ospite Beppe Caruso), nonchè a sassofonisti di fine anni '60, primo su tutti Sonny Rollins (evidente la sua influenza in “Ra Bumbardon”, dove sono pure presenti citazioni della tradizione popolare, tanto cara a Innarella). L'ensemble appare coeso: le sonorità isteriche e mai
lineari del sassofono si amalgamano perfettamente tanto con il veemente trombone di Beppe Caruso, quanto con le raffinate e colte soluzioni del vibrafono di Lo Cascio, uno fra i più capaci esecutori di questo strumento.
Completano quest'ottima formazione il poco conosciuto - ma promettente - contrabbassista Paolo Grillo, e il batterista Roberto Altamura, musicista che i più attenti ricorderanno per i suoi molteplici
e ricorrenti trascorsi nel free jazz italiano.

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.