I Fiori Di Hiroshima
Nabuk

Esce il 22 gennaio 2016, per la Phonarchia Dischi, il primo disco dei giovanissimi “I Fiori Di Hiroshima” intitolato “Nabuk”.
Un esordio intrigante che, a fari spenti, fa il suo ingresso nelle scena underground italiana proponendo un rock dalle atmosfere cupe caratterizzate da sonorità assolutamente dinamiche ed incisive.
Dalla sorgente delle ossessioni la band attinge le parole che compongono “Nociva”: prima traccia dal finale coinvolgente contaminato da nubi di blues a cui segue il desiderio ardente di solitudine, la determinazione di non appartenere alla massa cantata in “Kovo”.
Il disco sfocia poi in un sound rabbioso ed accattivante con “Datemi un Martello”, canzone che rasenta la pazzia esprimendo il desiderio di far fuori tutti gli amanti delle noiose canzoni lente e “S.C.A.N.” in cui si avvicendano cambi di ritmo e fantasmi del passato.
“Nabuk” è il pezzo strumentale a cui è affidata la chiusura di un disco che lascia una buona impressione nonostante la breve durata.
Germogliare in un territorio colpito da una catastrofe è impresa ardua e quasi impossibile, il gruppo toscano ci è riuscito ma “I Fiori di Hiroshima” devono ancora sbocciare, godiamoci questa crescita aspettando primavera.

Tracklist:

01. Nociva
02. Kovo
03. Datemi Un Martello
04. S.C.A.N.
05. Nabuk

Formazione:
Elia Vitarelli: voce, chitarra elettrica, chitarra acustica
Daniele Lapi: chitarra elettrica, cori
Alberto Volpi Ramos: basso, cori
Jacopo Priami: batteria, percussioni, cori

Guest:

Nicola Baronti: organo, synth, vocoder, beat
Leonardo Bernini: violini su S.C.A.N.

 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.