L'introverso
Una primavera

Secondo album per la band milanese che dopo l’esordio del 2013, con il lavoro intitolato “Io”, conferma il target adolescenziale a cui sono indirizzati i propri sforzi.

 

Tutte le tracce appartengono infatti al genere maggiormente in voga tra i teen-ager d’oggi e cioè al cantautorato spiccatamente pop, costituito da melodie orecchiabili ed accattivanti al primo ascolto, che traggono origine e spunto da quella miriade di gruppi britannici di turno che nascono come funghi, ed il più delle volte altrettanto velocemente scompaiono per raggiunti limiti di età, spesso non oltre quella i cui suffisso termina per “enta”.

Tredici brani, per una durata complessiva vicina ai 45 minuti, che scorrono gradevolmente senza particolari intoppi: le melodie ed i ritmi risultano costantemente allineati tra loro e le sonorità, volutamente delicate ed uniformi, accompagnano l’ascoltatore senza impegnarne eccessivamente l’attenzione.

 

Anche il look della confezione è in linea con la musica proposta: tenue ed essenziale.

 

I testi composti e cantati da Nico Zagaria, si adeguano perfettamente alle potenzialità espresse dagli strumenti che, senza particolari fronzoli, si fondono a formare un fronte sonoro efficace quanto basta per gratificare i recettori sensoriali della platea più giovanile, probabilmente in particolar modo quella femminile, che potrà rivolgere le proprie attenzioni anche ai componenti del gruppo, la cui immagine pubblicizzata possiede un look volutamente e, perché no, meritatamente seducente.

 

Il livello qualitativo dell’intera produzione è pertanto più che sufficiente a garantire un apprezzamento dell’opera, condiviso tra pubblico, critica e mercato discografico di massa, la cui fetta giovanile potrà essere facilmente conquistata con una adeguata promozione mediatica.

 

Track list:

1.Tutto il tempo

2.Manie di grandezza

3.Il finestrino

4.Stomaco

5.Uguali

6.Prima o poi

7.Solo questa notte

8.Ti odierai

9.Mi rialzo

10.Estranea

11.Una primavera

 

Formazione:

Nico Zagaria: voce, chitarre, testi e musiche

Marco Battista: chitarre

Futre: basso

Elia Rocca: batteria

 

Guests:

Lorenzo Fornabaio: chitarre acustiche

Giulia Gaggero: violino

Giulia Sandoli: viola

Bruna di Virgilio: violoncello

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.