Gian Luca Mondo
Malamore

Un cantautore è per definizione un artista che compone ed esegue le sue musiche, talvolta e volentieri da solo, spesso accompagnato da altri musicisti, la cui presenza è per lo più di appoggio ma non di primo piano.

A queste caratteristiche risponde Gian Luca Mondo, artista liguro/piemontese già in passato dedito alla poesia, che con il suo nuovo album “Malamore”, composto da 10 tracce per una durata complessiva di circa 33 minuti,  incarna a pieno quella che è l’immagine del solitario cantautore introspettivo e riflessivo. Le musiche e le sonorità sono essenziali e nella cadenza degli arpeggi, spesso ripetitiva, è presente una discreta componente blues, miscelata ad un accenno di psichedelia, in perfetto stile Lou Reed, dal quale ha tratto in passato e continua a trarre ispirazione.

Le melodie ed i testi, a volte anche molto crudi e diretti, sono venati da una buona dose di malinconia e le metriche seguono pedissequamente le semplici ritmiche del piano e della chitarra acustica, accompagnati da una mesta e sfuggente chitarra elettrica, distorta in sottofondo. A dispetto del titolo dell’album, il romanticismo è presente in dosi molto ridotte e misurate, non certo nella copertina, ove l’artista è raffigurato in compagnia di uno splendido gatto ed una bella modella.

Formazione:
Gian Luca Mondo: voce, pianoforte, chitarra acustica.
Carlo Marrone: chitarra elettrica, cori, percussioni, mix e mastering.

Tracklist:
01. Malamore sta con te
02. La canzone del Baio
03. Van Gogh Blues
04. Blues del doppiopetto
05. Soltanto per pazzi
06. Ringraziamento
07. Anticanzone
08. Lamento di Berzano
09. Lettera cattiva
10. VagaMondo

 

 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.