L'io
Bon Ton

Flavio Ciotola, in arte "L'io", esordisce con un disco squisitamente indie-rock (nonostante egli si presenti come cantautore) con vaghe punte wave e rock inizio anni '80. Evidente l'influenza dei primi U2 e, un tantino meno spesso, dei Simple Minds dell stesso periodo. Pesanti riserve sui testi: nonostante siano genuina espressione di disagi giovanili, sono certamente troppo diretti, talvolta gratuitamente volgari (in barba al titolo) e non sempre risultano così impegnati.


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.