Luca Fucci
Unsolved

unsolved


Forse un po' asettico ma efficace questo lavoro di Luca Fucci che, con una base di elettronica tendente a volte al dark, si insinua in uno stile definibile ambient, anche raffinato e ricercato.

Grazie ad uno studio ben attrezzato ed ai sapienti (mi sia permesso un tenue dubbio sull'utilizzo di alcune tonalità per i bassi) missaggi di Giacomo Jac Salani, è riuscito a portare a compimento con la sua terza sezione, un progetto (hidden scars) che ha rappresentato una sorta di percorso sonoro, con una sorgente, un'evoluzione, un climax e quindi una risoluzione; un finale riversato interamente nelle note di "Unsolved". Quasi come fosse un paradosso, però, al capitolo finale ha dato il titolo di "irrisolto"...che sia la premessa per una specie di sequel che ha già nei suoi progetti?
Dodici brani che rispettano una sorta di schema di viaggio, in cui la prima mezza dozzina si arrampica verso un punto di osservazione sempre più elevato e che nei successivi sei, assume una valenza più intimistica, gradualmente implodente, verso un'intima soggettivizzazione.
Così come in alcune riprese cinematografiche, infatti, il suono e le atmosfere cercate dall'autore, sembrano rivolgersi ad un universo interno, più intimo e personale ma, come suggerisce il titolo stesso, appunto, non risolto. La netta impressione di chi scrive, è che ci si trovi ad ascoltare un qualcosa che si può incasellare in una colonna sonora, realizzata per commentare le scene di una serie di cortometraggi.
Le ambientazioni sono a volte dark, saltuariamente nostalgiche e malinconiche, altre ancora sfociano in un loop emotivo che è comunque foriero di sensazioni ma non esattamente positive.
Di certo non è un album che si possa assaporare, tranquillamente rilassati su una poltroncina di un lounge bar; richiede attenzione, uno sforzo cognitivo ed un impegno a voler trovare le ambientazioni che hanno fatto scaturire quei suoni che, in ogni caso ed inevitabilmente, come sempre accade nella musica, suscitano forti suggestioni.

Fabio Tenace

Lavoro tanto interessante quanto complesso, questo di Luca Fucci, artista trasversale dedito alla commistione di stili inusuali quali l'ambient, l'elettronica, la sperimentazione, in minima parte anche l'industrial. L'apice espressivo si concretizza nei brani "Shining Tide", "When We Met" e "Suspended Animation", caratterizzati da intimistiche suggestioni sublimate da un piano meravigliosamente malinconico.
Parlando di altre sonorità, l'opera offre anche soluzioni estreme, come le ossessioni ambient di "When You Left" o i deliri cyber di "Repetition Compulsion", "Gateway" e "Outway". Emergono poi ascendenze blasonate, subite da capisaldi della musica internazionale: impossibile non pensare al Vangelis di "Blade Runner", ad esempio, ascoltando la intimista "When We Met" o la ossessiva "The Lightkeeper"; il Peter Gabriel più claustrofobico, inoltre, affiora latentemente in "Gazing Into The Abyss", pur su un tappeto elettronico stratificato totalmente estraneo all'ex Genesis.
Se ci è permesso un umile consiglio, "Knot" subisce chiaramente le influenze di certo synth wave anni '80 e, per questo motivo, risulta un tantino decontestualizzato, in un album del genere, mentre "Flowing Gold" presenta un crescendo assai suggestivo, purtroppo penalizzato da una programmazione di ritmiche tipizzata da un suono percussivo inadeguato, problematica, questa, che si riscontra nel già citato "Gazing Into The Abyss", pur in forma residuale.
"Unsolved" merita sicura attenzione, segnatamente dai media specializzati: al riguardo, consigliamo caldamente di segnalare questo lavoro a siti/blog di settore, come standout-zine.it, draftsound.it, backgroundmagazine.nl, rythmes-croises.org, beachsloth.com, peruavantgarde.blogspot.com, www.chaindlk.com.
Diversamente, e sarebbe un vero peccato, rischia di non essere valorizzato come merita.

Gianluca Livi



Composto, arrangiato, eseguito e registrato da Luca Fucci
missaggio: Giacomo Jac Salani (@ la fucina studio)

Anno di pubblicazione: 2022
Label: Sour Candies music
Genere: electronic

Tracklist:
1. When We Met 04:16
2. Shining Tide 03:24
3. Flowing Gold 04:43
4. Suspended Animation 03:21
5. The Lightkeeper 05:11
6. Outway 02:17
7. Gateway 03:258. Repetition Compulsion 04:16 buy track
9. Comfortable In Pain 01:29
10. Gazing Into The Abyss 05:02
11. Knot 02:55
12. When You Left 04:15


 


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.