Underground

Cromosauri
Noiz!

PDFStampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Giovedì 23 Febbraio 2017 14:32

“Noiz!” è l’immagine accelerata di un cielo azzurro sul quale si sovrappongono nuvole instabili, commoventi raggi di sole ed improvvisi fulmini accecanti che provocano bagliori di stupore.

Leggi tutto...

 

Big Bang Muff
Crash Test

PDFStampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Giovedì 23 Febbraio 2017 14:26

“Crash Test” è una corsa frenetica nell’ombra di una quotidianità tormentata da inquietudini moleste.

Leggi tutto...

 

Renzo Cantarelli
Dolos

PDFStampaE-mail

Scritto da Max Casali Mercoledì 22 Febbraio 2017 22:56

Ci fa recuperare un bel po’ di elegante tradizione folk-rock cantautorale il quarto lavoro del carrarese Renzo Cantarelli e, al pari di “Amen” del suo illustre compaesano Gabbani, ci conduce a importanti riflessioni esistenziali, non solo sull’ umana rassegnazione ma soprattutto su solitudine, guerra, immigrazione e tanto altro. E lo ha fatto con un album in cui si avverte che i contenuti tematici e sonori sono stati elaborati e intessuti con eccellente cura che sfiora il maniacale. E l’idea viene resa brillantemente in tutte le dieci tracce di “Dolos”, e nello specifico sulle tratte aerobiche rock-folk di “Una piccola parte di te” che, a mio avviso, è uno dei candidati per un singolo insieme a “Dove sei”, semi-ballad dal refrain più accattivante ma non ruffiano, con fraseggi pianistici di gran pregio. Mentre “Riciclata esistenza” racchiude l’essenza concettuale dell’opera: ovvero, di un’etica che si è andata a farsi benedire, facendo prevalere un inquietante senso di smarrimento, per l’incapacità di sostituire i valori dispersi della vita con altri nuovi.

Leggi tutto...

 
 

Polemica
Keep Your Laws Off My Mind

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 22 Febbraio 2017 22:16

Progetto interessante, questo dei Polemica, quartetto multinazionale che propone attitudini non omologate, attinte a pieni mani dall’undergound post punk e new wave degli anni ’80, seppur con formula adeguatamente aggiornata.

Leggi tutto...

 

Alberto Vatteroni
Tra inganno e realtà

PDFStampaE-mail

Scritto da Max Casali Lunedì 20 Febbraio 2017 22:45

La domanda è lecita: come fa un giovane artista di appena 24 anni ad aver assimilato cosi bene un genere come il prog che viveva il suo massimo splendore negli anni ’70? Semplice: crescendo tra pile di dischi paterni che diffondevano in casa questa musica e tanto altro buon rock. Ma, detta cosi, sembrerebbe semplice alla portata di tutti ma non sarebbe sufficiente. In aggiunta occorre la complicità di un’anima sensibile e percettiva come quella di Alberto Vatteroni , polistrumentista cantautore carrarese che, estasiato dai suddetti ascolti, decise dieci anni fa di imbracciare la chitarra e intensificare i studi per poi diplomarsi con lode e facendosi le ossa in tanti live con un paio di gruppi: Oneiros e Numph. E non si pentiranno di certo i sostenitori della piattaforma-crowdfunding Eppela, per aver messo la mano in tasca per produrre l’album d’esordio. E Alberto cosa ha fatto per onorare il loro impegno pecuniario? Ha calato il settebello “Tra inganno e realtà”, in cui ci si immerge in sonorità mature, ben congegnate e, come detto, sorprendentemente anacronistiche per la sua età. Il varo dell’opera è affidato ad “Anima” , in cui un riff-zanzara arriva da lontano e ti si attacca come una benefica sanguisuga ritmica, fatta eccezione per una breve tregua. Ma già scalpita “Hubris”, con l’ariosità del suo refrain accompagnato dalla vocalità passionale di Alberto e l’efficace assolo di chitarra elettrica. E’ logico che in un contesto cosi bello carico l’artista intuisce che c’è anche bisogno di inserti-ballad come “Morfeo” e “Libero spirito”: la prima di matrice rock-prog dalle belle varianti mentre la seconda alquanto seduttiva per l’ottimo arrangiamento, che ispira sensazioni tra l’onirico e un volo pindarico. Sia chiaro che l’anima di Vatteroni non si limita al rock ma assume, non di meno, anche un’intelaiatura di forma-canzone tipicamente pop-rock nostrano. Il pezzo che sorprende maggiormente, per la sua fantasia stilistica, è “Il giorno per noi” , con tratti sonori disegnati in modo da non far prevedere nulla del suo sviluppo anche all’ascoltatore più smaliziato.

Leggi tutto...

 
 

I Paradisi
Dove andrai

PDFStampaE-mail

Scritto da Max Casali Giovedì 16 Febbraio 2017 23:02

Con appena due anni di attività, la band dei lombardi I Paradisi giungono al debutto con un album costruito con sorprendente maturità, quella che arriva di solito a chi ha già incamerato un bel pacchetto d’esperienza. Eppure, nonostante la giovane età, la band ci consegnano 10 “paradisi” sonori da far invidia a navigati combi che sono ancora alla ricerca del loro strutturale perché. “Dove andrai” non è scritto col punto interrogativo ma vuole essere, piuttosto, un punto d’osservazione, una sospensione colloquiale come dire: Dove andrai….lo sai tu. Invece, le domande serie ed esistenziali sono reperibili nello zibaldone delle liriche, strutturate in forma cantautorale con fascinose spruzzate beat sixties e seventies. Tendenzialmente, c’è una linea-guida nell’itinerario dell’album, che traccia l’asse di demarcazione sul quesito umano fino a dove riesca ad affondare la sondina interrogativa nella propria anima, per introspezioni chiarificatrici sul proprio agire ed eliminare così le scorie di pensieri disgreganti. I Paradisi hanno sempre l’asso nella manica per deliziarci con un genere coraggiosamente anacronistico: di gran lunga meglio del Rap che potevano scegliere per tendenza anagrafica e (Deo gratias!), non l’hanno fatto . Di fatto, questa band è l’eredità dei precedenti Paradisi Noir, ma han tolto il “nero” perché ora il percorso è chiaro nella testa del quartetto: nuove visioni concettuali e differenziazione stilistica: ambo vincente uscito sulla ruota di Milano. La rassegna di “Dove andrai” è capace di esporre sonorità di stampo cinematografico, come “Un brutto sogno” e “Bocca sporca” , con l’incedere aerobico alla 007 e che filano via gustose con due commenti predominanti e distinti di chitarra elettrica e tastiera, per poi unirsi in un bell’assolo strumentale.

Leggi tutto...

 

Davide Solfrini
Vèstiti male

PDFStampaE-mail

Scritto da Max Casali Mercoledì 15 Febbraio 2017 19:41

Ho sempre nutrito una certa stima verso quegli artisti che sono allergici alla strizzatina d’occhio, ruffiana e mielosa, pur di fare ascolto e che invece indirizzano il loro estro verso una ricercatezza stlistica personalissima. Davide Solfrini rientra tra questi, con l’aggiunta che i sei pezzi di “Vèstiti male” (che esce per l’intraprendente etichetta New Model Label), sono un monito(r) verso un mondo tutt’altro che tenero e autentico e che sa scrutare , con umile obiettività, anche verso un’introspezione interiore . E’ un esaedro con lati acuminati ma smussati adeguatamente dal cantautore romagnolo, con un’architettura sonora poliedrica e raffinata. E li sa vestire fantasiosamente per ogni occasione. A “Cose buone” e “Alto mare” fa indossare il frac, in pura eleganza pop, con chitarre bilanciate, archi, campanellini e indubbia passionalità vocale che, talvolta, ricorda il suo omonimo che di cognome fa Groff. Invece, per la title-track, tende polemicamente al casual, con il preciso intento dell’invettiva verso griffes e status-symbol che schiavizzano la scelta della massa: splendidi accordi acustici con fisarmonica e bonghi a dettare il tempo, benché il grido del titolo è portato ad eccessiva ripetizione. Davide guarda il mondo non con quella spocchia d’erudizione, tipica di chi si crede superiore, ma si allinea alle umane debolezze facendole sue con disarmante semplicità. Già “Cose buone” ne rivela un aspetto: quello del rimbrotto mattutino, un lisciebusso cosi dannatamente comune prima dello sgobbo quotidiano e orla il pezzo con fraseggi di buon synth per diversificare la sua dinamicità velatamente oscura. La cerniera del lavoro l’apre col basso incisivo e severo di “Portiere notturno” e la chiude con la gradevole semi-ballad “Una volta ero un uomo diverso”.

Leggi tutto...

 
 

Les Fleurs Des Maladives
Il Rock è Morto

PDFStampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Martedì 14 Febbraio 2017 18:07

Se il rock fosse davvero morto, il nuovo album dei “Les Fleurs Des Maladives” non avrebbe senso di esistere.

Leggi tutto...

 

Baryonyx
Fuori il Blizzard

PDFStampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Domenica 12 Febbraio 2017 17:40

Il blizzard è un vento polare, una tormenta di neve caratterizzata da raffiche potenti. Baryonyx walkeri era un dinosauro carnivoro lungo otto metri e mezzo, dotato di denti affilati, grossi artigli ed una discreta ferocia.

Leggi tutto...

 
 

Acid Muffin
Bloop

PDFStampaE-mail

Scritto da Daniele Ruggiero Domenica 12 Febbraio 2017 17:34

Il trio romano sotterra virtuosismi e tediosi tecnicismi per proporre un sound crudo e diretto, rivolto agli amanti di un rock puro ed orecchiabile.

Leggi tutto...

 

Nadiè
Acqua alta a Venezia

PDFStampaE-mail

Scritto da Max Casali Sabato 11 Febbraio 2017 22:02

Da tempo, gira la convinzione che ormai si riscontrano rari episodi di canzoni di protesta, come se l’epoca d’oro fosse rimasta inchiodata al cantautorato anni ’70. E’ voce che, sinceramente, mi irrita non poco di fronte a lavori come questo dei Nadiè . Niente scuse signori: qui c’è una cristallina invettiva che riguarda tutta la nostra sfera esistenziale demolita dal volgare, dall’annegamento preoccupante di valori morali ed estetici. Piuttosto, prendetevela con la pigrizia dilagante che ha fatto perdere il fascino della ricerca e della scoperta, reo anche il Dio-denaro, elargito dalle major discografiche, che ha burattinato le radio manovrandole con il business dei soliti noti, affogando grandi talenti indie. “Acqua alta a Venezia” affila le lame della denuncia con tagliente lucidità e ghigno beffardo, nel tentativo (riuscito) di emergere e galleggiare a testa alta nel mare degenerativo dell’etica. Il quintetto catanese apparecchia un desco imbandito di rabbia al vetriolo, senza che le mandano a dire ma piuttosto esponendosi con aitante sicurezza senza timori di risultare anacronistici. In aggiunta, il loro indie-rock ha indubbia originalità, legata alla grande trovata di offrire lunghe tratte strumentali per evidenziare che va data voce anche a note sintomatiche che rispecchino la prerogativa ideologica. Si capisce subito l’antifona con “Conigli” e “In discoteca” con chitarra e folate di vento che partono da lontano per poi spingersi fino a fragori tipici Coldplay , con finali sontuosi. Una leggera calma sembra arrivare con “Breve esistenza di un metallaro”: iniziale giro di piano alla Lennon che conduce ad una seducente maestosità sonora, dall’indiscutibile fascino. C’è aria di tanto malessere? Certo che si ! Quindi meglio non tenersi dentro nulla e piuttosto vomitare più rabbia possibile con tracce blasfeme di “Dio è chitarrista”, decisamente il brano con vertici di grande rock.

Leggi tutto...

 
 

Pagina 1 di 32

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.